Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

mercoledì 27 gennaio 2016

PER NON DIMENTICARE

27 gennaio 1945 - 27 gennaio 2016.

Sono passati 71 anni da quando L'armata Rossa, ha aperto i cancelli di Auschwitz, il lager simbolo della barbarie nazista.
Fino a quel 27 febbraio migliaia di carri bestiame, su cui milioni di "indesiderati" (ebrei; zingari; omosessuali; oppositori politici; etc) venivano ammassati e trasportati , percorrevano in lungo e in largo le vie ferrate di tutta l'Europa.
Il macabro viaggio, di questi poveri innocenti, terminava nel fumo acre che usciva dai camini delle camere a gas e si disperdeva nell'aria.

Il 27 gennaio, è stato adottato dalle Nazioni Unite come data simbolo da destinare all ricordo, istituendo così la "Giornata della Memoria".
L'Italia, alcuni anni prima delle Nazioni Unite, ha nella stessa data, istituito con Legge n. 211  del 20 giugno 2000 Il Giorno della Memoria.
Gli articoli 1 e 2 della sopra indicata Legge citano:
" La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati.
In occasione del "Giorno della Memoria" di cui all'articolo 1, sono organizzati cerimonie, iniziative, incontri e momenti comuni di narrazione dei fatti e di riflessione, in modo particolare nelle scuole di ogni ordine e grado, su quanto è accaduto al popolo ebraico e ai deportati militari e politici italiani nei campi nazisti in modo da conservare nel futuro dell'Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere"

Per ricordare quindi ecco alcuni, scellerati momenti storici che hanno portato all'Olocausto, spalancando di fatto le porte dell'inferno sulla terra.
1) Il 22 ottobre 1922, Mussolini e il Fascismo, prendono ufficialmente il potere in Italia
2)  Il 30 gennaio 1933, Hitler venne nominato Cancelliere del Reich
3) Il 18 settembre 1938, dal balcone del Municipio di Trieste, Mussolini legge per la prima volta le "Leggi Raziali"
4) 20 gennaio 1942, alla Conferenza di Wannsee, alla quale parteciparono ufficiali e funzionari Nazisti, viene dato il via alla "Soluzione Finale della questione Ebraica"












3 commenti:

  1. IO NON DIMENTICO!

    RispondiElimina
  2. "...Io chiedo come può l'uomo

    uccidere un suo fratello,

    eppure siamo a milioni

    in polvere qui nel vento.

    Ancora tuona il cannone,

    ancora non è contento

    di sangue la belva umana,

    e ancora ci porta il vento.

    Io chiedo quando sarà

    che l'uomo potrà imparare

    a vivere senza ammazzare,

    e il vento si poserà"...

    La Canzone Del Bimbo Nel Vento (Auschwitz)

    Alla preziosa ricostruzione di parole ed immagini da voi pubblicate.....aggiungo alcune frasi di una mitica canzone ....( anche gli artisti ci aiutano a ricordare) ....Triste considerare che "quel vento" è ancora oggi presente ...gli uomini non hanno ancora imparato a non uccidere i loro fratelli.


    RispondiElimina
  3. Caro anonimo lei ha tristemente ragione

    Cordialmente
    Giorgio Broggi

    RispondiElimina

I commenti sono liberi ma è attiva la moderazione preventiva.

Chi avesse da fare delle segnalazioni, e volesse mantenere l'anonimato, è pregato di utilizzare l'email angerademocratica@gmail.com. Grazie.