Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

martedì 19 gennaio 2016

Commissione tecnico-urbanistica

E' stata convocata la CTU per il giorno 22 gennaio alle ore 16, su richiesta dei membri delle minoranze.

OdG:

  • Resoconto delle osservazioni raccolte dalla Amministrazione riguardo il PGT;
  • Situazione APC1 - area Piazzale Volta - Via Roma - Via A. Moro - Via S. Arialdo (area ex-suore);
  • Asilo/Scuola materna: aggiornamento su situazione cantiere di via Arena, su programmazione economica riguardo il finanziamento delle attività necessarie, su sviluppi progetto Fondazione Vedani;
  • Sviluppi urbanistici relativi all'area ex-Omea (area industriale a fianco del supermercato Conad);
  • Destinazione futura dell'opera "E' la terra che ci nutre".

21 commenti:

  1. AgustaWestland21 gennaio 2016 12:09

    Ora applaudono all'Eliporto anche notturno per Angera. Considerando che un eliporto è meglio di nessun eliporto ricordo bene quanto ridevano quando tale proposta era fatta dall'assessore Luca Tonella. E ora la proposta ritorna di attualità. Spero che abbiano la signorilità di riconoscere che le idee del passato assessore non erano così campate in aria.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un eliporto nel centro cittadino a pochissimi metri di distanza da una oasi protetta è veramente quello che ci voleva.
      Chissà come saranno contenti gli abitanti della zona
      Ma al 118 forniranno anche il calendario delle partite e i giorni di mercato in cui l'unica via di accesso al campo è ostruita?

      Elimina
    2. SIGNORI SI NASCE.
      E loro immodestamente non lo nacquero.
      Ci mancherebbe altro che qualcuno di questi nostri amministratori riconoscesse che delle idee che non vengono dal loro cerchietto magico possano essere buoni, men che meno migliori delle loro. Pioverebbe rosso e verde accompagnata da rane, coregoni e "boccaloni" prima che tale eventualità possa succedere.

      Elimina
    3. qualificare un campo da calcio come "Eliporto" sembra uno sproposito è semplicemente una zona recintata per atterraggio elicotteri in caso di necessità non vorrei sbagliarmi ma quando c'era Tonella assessore gli elicotteri ancora non erano autorizzati al volo notturno. Anonimo delle 15.46 dove ritiene che vada fatto atterrare un elicottero in caso di necessità? al campo sportivo di Sesto Calende o di Brebbia come era stato previsto. Sul piatto di una bilancia lei metterebbe una vita umana o il disturbo del sonno degli abitanti dell'oasi o della zona circostante al campo Stia tranquillo per il calendario delle partite in caso di necessità l'arbitro sospende la partita o la rinvia come già avviene in altri posti, per quanto riguarda il mercato se lei fosse un vero cittadino di Angera saprebbe che la via di accesso al lago e all'entrata del campo sportivo non è occupata dai banchi del mercato,

      Elimina
    4. Spero che forniscano ai responsabili delle ambulanze le chiavi del cancello del campo di calcio perché sarebbe da ridere avere lì l'elicottero che attende e l'ambulanza fuori perché il cancello è chiuso. Ma me lo aspetto che una volta succederà, magari di notte.

      Elimina
    5. Perché, che differenza passa tra Sesto Brebbia o Angera?
      Il servizio di elisoccorso è per tutti o è riservato all'ospedale di Angera?
      Presumo che quelle poche volte che verrà utilizzato un elicottero ad Angera servirà per traspostare qualche sfortunato in un ospedale diverso da quello di Angera.
      O pensa che Angera sia attrezzato per un intervento di estrema urgenza come spesso capita nel caso di elisoccorso?
      Nel pratone poi di notte, che problema ci sarebbe stato?
      Forse tutisti che occupavano il pratone guardando le stelle cadenti?

      Elimina
    6. Nel pratone manca un adeguato impianto di illuminazione (manca del tutto...), per questo gli elicotteri non possono atterrare di notte.

      Elimina
    7. Pensate ai teloni delle sponsorizzazioni che effetto faranno con le pale dell'elicottero!

      Elimina
    8. Alessandro ci voleva una tua precisazione per far capire a questa masnada di imbrattablog del perché sul pratone non possa atterrare di notte elicottero, poi il 118 ha bisogno di una imbeccata per provvedere a far fornire le chiavi del campo al Carlo Ondoli, i teloni poi si comporteranno come quelli di altri campi sportivi che già vengono utilizzati per l'elisoccorso.

      Elimina
    9. Nel 2014 durante un mercatino dell'hobbistica svolto sotto gli alberi del lungofiume di Sesto Calende un elicottero di soccorso dell'AREU fu costretto a fare manovra una decina di metri sopra le cime degli alberi, invece che atterrare al campo sportivo, per fare scendere un medico (????????). Ebbene le pale di quell'elicottero, mi sembrava un AW139, si trasformarono in un enorme aspirapolvere, sollevarono fino agli alberi una dozzina di gazebo, i tavoli, le sedie e le merci esposte creando il panico e naturalmente quasi distruggendo quelle bancarelle. Non sto a discutere, è ovvio, sul fatto che il soccorso più importante di qualsiasi mercatino, ma come ho avuto modo di scrivere alla direzione dell'AREU la manovra fu perlomeno azzardata in quanto solo fortunatamente i rami degli alberi fermarono il volo dei teloni dei gazebo e delle tovaglie sui tavoli. Penso ancora con terrore se uno di questi gazebo fosse stato risucchiato fino alle pale dell'elicottero. Io penso che si sia rischiato una tragedia di grandi proporzioni visto che il lungofiume era gremito di gente e la caduta di un elicottero avrebbe causato ben più di quanto si è salvato. Poi qualcuno dice che la persona soccorsa già il giorno dopo stava bene. Naturalmente l'AREU riconobbe che i danni cagionati agli artisti presenti al mercatino dovessero essere risarciti, dunque probabilmente non avevano fatto la manovra giusta. Dunque esisterebbe una possibilità che dei teloni mal fissati possano volare via forse anche verso l'elicottero. ma ci avranno sicuramente pensato e avranno fatto in modo di fissare con sicurezza i cartelloni pubblicitari. Incrocio le dita. E mi chiedo: quante volte in un anno capita mediamente al nostro ospedale di richiedere un elicottero? Quante volte di notte? Temo piuttosto un possibile disimpegno (o sfratto che dir si voglia da parte dell'amministrazione dell'Ospedale dalla sede-vecchia portineria) da Angera della sede delle ambulanze. Ma questa è un'altra storia............

      Elimina
    10. l'articolo della Prealpina di oggi riferentesi all'incontro tra il sindaco, il direttore dell'ASL e Fabio Rizzi. Al di là delle rassicurazioni ormai d'obbligo in incontri si siffatto genere l'unica cosa che ho capito è che il numero delle nascite della nostra MATERNITÀ viene considerato troppo basso e che viene dato un anno ancora di prova per vedere se ci potrà essere un aumento di quel numero non superato il quale il destino di quel reparto sarà segnato: CHIUSURA. Peccato. Cosa ne dice il Comitato Spontaneo? Anche questi sono felici delle parole di Rizzi e Brazzoli? Io no, perché con i chiari di luna che ci sono in Italia adesso (alla faccia dell'ottimismo di facciata del governo) mettere al mondo un figlio è diventato un azzardo. Troppe spese e poco supporto da parte delle istituzioni nel corso della vita del bimbo. Mille euro di bonus bebè servono solo per i pannolini del primo anno.

      Elimina
    11. Gallarate dista pochi Km. da Busto Arsizio e due punti nascita sembrano un pochino eccessivi, l'ideale sarebbe ridimensionare Gallarate e potenziare i punti nascita di Angera e Busto A.

      Elimina
  2. Da "LA PREALPINA": Per ora il direttore Brazzoli chiederà un anno di proroga della chiusura.................si tratta di comimciare a studiare un PIANO B eventualmente per riempire l'ospedale di altri contenuti più utili per la popolazione".
    Dunque: 1) se si chiede una proroga vuol dire che la decisione della chiusura del reparto maternità era stata già decisa,
    2) Tra un anno difficilmente il nostro Ospedale potrà superare la fatidica cifra di 500 parti, si tratta di aumentare di oltre il 10% e quando ormai tanti parlano di un trend ancora in discesa dei tassi di natalità nelle nostre zone l'impresa mi sembra disperata,
    3) Un PIANO B per ora non esiste se anche Rizzi dice che bisognerà cominciare a pensarci e sappiamo bene cosa significa: commissioni e commissioni e tempo che vola via velocemente,
    4) Cosa significa "contenuti più utili"? Cosa c'è di più utile di assistere una maternità? Non è detto che tutti avranno il cancro, il diabete, un'unghia incarnata ma tutti. proprio tutti, da quel reparto maternità ci passiamo. Inoltre a mio avviso lasciare una zona importante come il basso lago senza un reparto maternità mi sembra una cazzata allucinante. Cittiglio non è dietro l'angolo e Gallarate o Varese sono effettivamente lontani e chiudere un occhio (definitivo) su un 10% mancante di nascite ma coprendo meglio il territorio sarebbe un gioco cui vale la candela. Purtroppo ho imparato che i politici dai "romani" ai più piccoli politicastri locali sono tutti dei mentitori, e chi non mente invece viene obnubilato da facili promesse che poi trattano come fossero loro, come fossero loro successi, ma che quasi mai vengono mantenute. Io incrocio le dita e vedremo come andrà a finire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vi ricordate il " battello rosa"?
      Che fine ha fatto quel progetto?
      Non doveva essere l'inizio di una collaborazione tra Angera e Arona?
      Se ne parla ancora o sono state solo parole buttate li in campagna elettorale per strappare qualche articolo a Varese news?

      Elimina
    2. Siediti sulla riva del fiume e vedrai passare il cadavere del tuo nemico. Siediti sulla riva del lago e vedrai passare il motoscafo rosa. Solo che passa e non si ferma. Sono solo idee senza costrutto, voi pensate che una puerpera prenda auto per andare in riva al lago (o ambulanza), poi il battello e poi un'altra ambulanza per andare dall'imbarcadero all'ospedale? Chiamerà il 118 e si farà portare in metà tempo a Borgomanero. E anche per i parenti che devono fare visita saranno più comodi a Borgomanero che è a dieci kilometri da Arona e non quasi venti come Angera. Solo idee del cavolo tanto per dire che loro pensano. Intanto le mille collaborazioni con Arona non si vedono. Hanno altro da fare di là del lago che dare retta alla nostra amministrazione. Gusmeroli è della Lega e Molgora ha litigato con la Lega, detto tutto.

      Elimina
    3. Fuochi pirotecnici29 gennaio 2016 15:54

      Se qualcuno conosce Gusmeroli, Sindaco di Arona, gli chieda cosa ne pensa della collaborazione con l'Amministrazione di Angera!!!!!!

      Elimina
    4. Che brutta cosa la memoria corta!!!
      in ottobre del 2014 sul blog Cambiangera, veniva pubblicata una foto scattata in sala consiliare ad Angera dove compariva il Sindaco, vice sindaco e assessori vari, tutti bei sorridenti, pronti per lavorare insieme per ambiente, commercio, turismo, ecc ecc....
      Stanno ancora sorridendo o stanno facendo qualche cosa?
      Gli incontri con Arona per una città unica sul lago proseguono o tutto tace?
      E la collaborazione tra i vari assessorati?
      a che punto è?

      Elimina
    5. Successivamente a quell'incontro, come Assessore ai Servizi Sociali e accompagnato dalla Responsabile del Servizio Dott.ssa Marzetta, ci siamo incontrati in Comune ad Arona con la Responsabile dei Serizi Sociali di quel Comune. Ci siamo scambiati alcune esperienze e metodologie di lavoro (che in Piemonte sono leggermente diverse dalle nostre) con l'impegno di ritrovarci e di continuare l'esperienza.
      Poi come è andata a finire lo sanno tutti.
      Flavio Barelli

      Elimina
    6. El Baqrelli a lè un brau bagai... in i alter che in dre a fa flanela!

      Elimina
  3. La saga continua e anche i LIONS ne parlano. In questi giorni sulla stampa locale sono apparsi articoli che parlano del nostro ospedale e leggo quasi di un entusiasmo perché qualcuno di quelli che siedono colà dove si puote ci dice che l'Ospedale di Angera verrà valorizzato. Io se fossi un'anima dolce dovrei fare i salti di gioia per queste affermazioni ma poi mi faccio prendere dalla voglia di rileggere attentamente un'altra volta gli stessi articoli e non riesco mai a trovare il nome di un qualsiasi reparto che possa sostituire la nostra maternità, perché fino ad adesso di nomi di reparti fatti c'è solo la maternità, tutti citano la legge dei 500 parti, il direttore ci parla di un anno di proroga ma nessuno finora ha detto che qua verrà una diabetologia, una cardiologia importante, qualche altro reparto con nomi impronunciabili. Ci hanno solo detto che bisognerà pensare ad un piano B ma quando usano il futuro e dicono "bisognerà pensare" significa che non sanno nemmeno un pochino di quello di cui stanno parlando. E allora signori io sono preoccupato. Altro che fare i sorrisini e credere che saremo valorizzati. Qua nascono 450 bambini, non sono 500 ma nemmeno 150 e se volessero di deroghe ne potrebbero fare senza che nessuno abbia a che dire, anzi. Secondo me ..................................(lascio stare di tirare fuori le mie considerazioni su chi può decidere, sarei offensivo)

    RispondiElimina
  4. Le mie considerazioni le ho già scritte ma vorrei ribadire che secondo me un OSPEDALE SENZA REPARTO MATERNITÀ, non è un ospedale come si deve. Diventa solo una clinica specialistica o poco più. E questi politicanti da strapazzo hanno già deciso di togliercela e per dare un contentino ce la lasciano ancora solo un anno ben sapendo che molto difficilmente la nostra zona potrà vedere 500 nascite. E se un gruppuscolo protesta e lotta contro questo furto fa benissimo. Se vogliono potenziare il nostro ospedale ci lascino la maternità e ci diano un reparto aggiuntivo altrimenti la parola potenziamento è solo qualcosa che hanno trovato girando le pagine di un vocabolario ma che non corrisponde al vero. Potenziare significa dare di più se ci tolgono una cosa e danno un'altra il discorso è solo aria fritta. Mi spiace che ad Angera ci siano due o più correnti di pensiero di cui qualcuna non veda con terrore la fine della nostra maternità. Dovremmo essere tutti uniti invece. E GRIDARE FORTE: anche con 400 o 450 nascite il nostro reparto non si tocca, anzi ce ne date un altro in più, quello che volete ma un altro in più.
    Il nemico non è un comitatucolo magari composto da antipatici che fanno parte di una forza politica diversa e che forse si muove scompostamente, il nemico in questo caso è il potere centrale (regionale) che ce lo vuole mettere nel di dietro togliendoci un reparto importante

    RispondiElimina

I commenti sono liberi ma è attiva la moderazione preventiva.

Chi avesse da fare delle segnalazioni, e volesse mantenere l'anonimato, è pregato di utilizzare l'email angerademocratica@gmail.com. Grazie.