Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

domenica 22 novembre 2015

Un gesto per la scuola materna

Cari genitori e sostenitori della scuola materna di Angera

vi scriviamo perchè crediamo abbiate a cuore la situazione della nostra scuola materna, conoscete le condizioni in cui versano le strutture e l'urgenza di trovare una valida soluzione alternativa.
Ci scusiamo se non foste interessati alla nostra segnalazione.

A nostro avviso, si è molto recentemente aperta la possibilità di trovare una soluzione alternativa alla struttura attuale, ed anche all'edificio in costruzione in via Arena.
Abbiamo formulato una nostra proposta, che riteniamo molto valida ma che non è stata nemmeno considerata dall'Amministrazione Comunale.
La nostra proposta è descritta brevemente nel documento che alleghiamo, insieme all'unica soluzione alternativa di cui al momento siamo a conoscenza.

Se ritenete che la nostra proposta meriti di essere approfondita dall'amministrazione, vi preghiamo di farlo sapere ai nostri amministratori comunali e di condividere con quante più persone possibile questo messaggio e chiedere loro di farsi sentire.

E' sufficiente inviare un'email (segreteria@comune.angera.it) o una breve lettera all'ufficio protocollo (anagrafe), all'attenzione del Sig. Sindaco. Il tempo è poco, la scadenza è venerdì 27 c.m.

Noi rimaniamo a disposizione per chiarimenti e per ascoltare i vostri eventuali suggerimenti.

Grazie per l'attenzione

Le minoranze consiliari di Angera
Alessandro Brovelli  - A nome di ABC Angera Bene Comune
Bruno di Blasio - Angera DOC
Flavio Barelli - AngeraFutura

Qui il documento completo

29 commenti:

  1. Ormai tutto è deciso come per il posteggio dell'Ospedale, la vostra lettera cadrà nel nulla, loro hanno il potere e lo esercitano senza ascoltare nessuno, altro che Democrazia Partecipata. Quella è solo una invenzione per gettare fumo negli occhi delle menti semplici. Non avete capito che ci troviamo di fronte a un gruppetto oligarchico di ducetti che vanno avanti senza ascoltare nessuno, anche se le cose potrebbero non andare bene agli angeresi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello se tutti fossero a conoscenza di tutto.

      Elimina
    2. Tutto non è deciso, se leggi l'articolo di Varese news il presidente della fondazione signor Pastorelli dice che un privato dona un terreno, omettendo di dire che è lui e poi in fondo non è stato tanto positivo per quanto riguarda il finanziamento ma dice che chiederà soldi qua e là.

      Elimina
    3. La volontà del fare e di cimentarsi nelle attività economiche di intrapendenti personaggi, deve essere supportata dalle sostanziali risorse economiche impegnate a rischio d'ìmpresa, dalla esperienza nel settore che si deve intervenire, e dalle garanzie poste in essere a copertura dell'intervento.

      Inoltre occorre dimostrare di essere in possesso delle certificazioni societarie, mezzi e strumenti d'impresa, credibilità finanziarie, e manageriali, e iscrizioni alle varie associazioni di categoria a seconda della formula societaria che si intende assumere.
      Inoltre occorre definire il ruolo dei soggetti che concorrono alla operazione economica, finanziarie e imprenditoriale e le loro responsabilità giuridiche che si assumono.

      Infine occorre definire puntualmente il titolo giuridico con il Comune intende partecipare, e valutare se detto titolo sia coerente con le regole vigenti in materia.
      Però una domanda sorge spontanea:
      e il rischio finanziario chi se lo accolla? e il mutuo, le fideiussioni ?
      E tutta le parte tecnica progettuale, autorizzazioni, collaudi permessi, tipologia dell'edificio, urbanizzazioni, viabilità, parcheggi , gestione contrattuallistica, etc, etc,

      Elimina
  2. Centrato, il problema sta tutto lì.
    A questi ducetti di paese immersi nel loro desiderio di apparire e di comandare, non frega niente del consenso e di rapportarsi con la collettività.
    E i loro compari che siedono in comune, consci della loro inutilità, ne assecondano le volontà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,.... siamo conciati male.
      L'arroganza, la vanità, e la prevaricazione, sono una componente deleteria di questa amministrazione, che si ritiene depositaria indiscussa del potere di decidere secondo il loro desiderio.

      Elimina
  3. Sinceramente l'idea di posizionare una futura scuola materna lassù, e per lassù ci metto dentro tutte le due ipotesi che si discutono, non mi piace. Trovo che attualmente tutte pongono dei grossi problemi per quanto riguarda la viabilità, uno non ha al momento nessuna strada di accesso o di uscita e l'altra non ha una strada di accesso, non ha un posteggio comodo e ha un itinerario di uscita ridicolo. La scuola a nord est dell'ospedale non ha per ora alcun tipo di progetto ma è solo una proposta mentre mi dicono che quella dell'Altinada ha un progetto in fase avanzata. Io spero che questo progetto (come naturalmente qualsiasi altro progetto dovesse essere ideato) contempli il fatto che dovrebbe essere studiato per TUTTI i bambini di Angera non costringendo alcuna famiglia a pensare di portare in asili fuori comune i loro piccoli, io spero che il futuro asilo di Angera abbia un accesso facile, un posteggio comodo e vicino, uno spazio perché i bambini possano mangiare fuori dalle loro aule normali, uno spazio dove i bambini possano riposare, uno spazio comodo per il personale, un giardino che possa vedere uno spazio verde con tanti giochi e spazio per oltre cento bambini. Insomma mi piacerebbe vedere un asilo che non prenda come metro il minimo che la legge richiede per queste realizzazioni. Se la legge impone almeno 7 e virgola qualcosa metri quadrati per ogni bambino non sarebbe male che i metri possano essere anche otto, nove o dieci, perché no? Sarebbe tutto di guadagnato per i nostri piccoli, NO?
    Poi mi scontrerò con il fatto che il comune sembra non possedere alcun terreno (cosa di cui però non sono sicuro e sto a ciò che si sente dire) atto a contenere tutto quanto, qualcuno parlava di terreni lungo la Varesina, altri dicono che il comune non ha alcuna proprietà del genere, insomma .....
    E qua allora si posiziona l'ipotesi di una donazione di un terreno che alcuni definiscono un po' piccolo e che comporterebbe poco spazio, locali mancanti e così di seguito, ipotesi che poi continua con l'idea che sarà la Fondazione a proprie spese a curarne la realizzazione. Sono contento di sapere che qualcuno garantirà un costo che si avvicinerà al milione di euro. Chapeau
    Ripeto, pensiamolo completo questo asilo, magari su due piani ma con mensa e tutto quanto serve, ma COMPLETO E PER TUTTI I BAMBINI DI ANGERA. Perché sarebbe brutto costringere per l'ennesimo anno qualche nostro concittadino a cercare altrove.

    RispondiElimina
  4. "Se le minoranze sognano una nuova scuola materna, cerchino un’altra area, raccolgano i fondi…e si facciano più seri! Nell’interesse di tutti. Anche il loro".
    (commento copiato dallo scritto apparso sul blog Cambiangera)
    Ma cosa stai dicendo?
    Non sono assolutamente d'accordo con questo tipo di atteggiamento. Non mi interessa discutere sulle altre considerazioni in quanto ho scritto che l'asilo che sia dietro all'Ospedale oppure all'Altinada non mi piace, troppi problemi di viabilità e tante altre domande. Però voglio discutere sul contenuto morale di questa frase.
    Che un sindaco dica che se alle minoranze non piace qualcosa si devono trovare loro l'area e i soldi e se lo devono fare loro è proprio il massimo. Paradossale. Si sta passando da un sindaco caratterizzato da un faraonico progetto andato a carte e quarantotto per una scelta di location assolutamente tragica ma comunque un asilo che era comunale per poi arrivare ad un sindaco che invita la gente che non la pensa come lui a fare quello che deve fare il comune? Non capisco proprio nulla di bilanci comunali ma mi sembra che le giunte passate abbiano stanziato fondi e acceso mutui per fare l'asilo di via Arena, dunque secondo me hanno approvato spese per oltre 2 milioni di euro. Che non sono stati spesi e allora potrebbero (condizionale) essere disponibili per un altro asilo da un'altra parte. Ma un asilo comunale. No, caro sindaco, devi stare ad ascoltare tutta la popolazione e decidere per il meglio che talvolta non è quello che decide la maggioranza del consiglio comunale (ricordo che vincemmo con il 43% dei voti di Angera, dunque contro aveva votato il 57% a cui deve andare anche rispetto, che deve essere reciproco). fai questo benedetto asilo che è più importante assolutamente di venti o trenta posti in più o in meno in un posteggio assolutamente necessario ma che useranno pochi cittadini ma sarà utilizzato da tanti di coloro che andranno ad abitare in quel nuovo complesso di villette (scommettiamo?), ma questo asilo fallo per tutti e non solo per ottanta o novanta bambini e fallo comunale a prezzi assolutamente calmierati, come in tanti paesi anche qua vicino succede.

    RispondiElimina
  5. Leggo su Varese News un lungo e duro attacco, quasi offensivo, del Sindaco Molgora verso le minoranze unite. Che dire, noi siamo stati molto attenti a non essere offensivi e maleducati, ma abbiamo solo cercato di far conoscere, dal nostro punto di vista, le problematiche del progetto che stanno approvando. Abbiamo cercato di dare delle controproposte.
    Un atteggiamento del genere fa trasparire sicuramente nervosismo ma anche incertezza e forse stanchezza da combattimento.
    Una cosa direi a Molgora se potessi: io sono sempre stato e lo sono ancora, tra quelle persone che hanno sempre rifiutato l'idea che lui si sia candidato per sistemare l'Ospedale, ripeto, ancora adesso dico non è vero, ma tu Sindaco ci rendi la missione molto ma molto difficile. Flavio Barelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sig.r Barelli e Dotta ora vi accorgete con chi avete a che fare,questa e' la DEMOCRAZIA PARTECIPATA di chi voi avete sostenuto fino a ieri.Spero di sbagliarmi ma anche tutta la storia della donazione alla fondazione Vedani a me puzza,la puzza la sento da lontano.Una operazione che dovrebbe avere un suo tornaconto per i donatari,argomento che non viene esplicitato.Per quanto riguarda lo scritto del Ganassa,nel leggerlo si ha la conferma che mai soprannome fu piu' azzeccato.Poi sul perche'della candidatura,Molgora vuole salvare il nostro ospedale,bene io penso invece e anche stavolta spero di sbagliare che il nostro ospedale sara' fatto morire di morte propria.

      Elimina
    2. Leggo su Varese News che un privato avrebbe donato un terreno lungo via San Quirico alla Fondazione Vedani. Mi domando perché non viene detto che il privato donante è il presidente della Fondazione Vedani. Forse è un dato da tenere segreto? In pratica il donante dona a se stesso o quasi.

      Elimina
  6. Credo che al di là del colore politico, sia compito di una maggioranza e di una opposizione trovare la miglior soluzione e auspicare il più gran coinvolgimento popolare in una scelta così impattante per Angera.
    Quindi penso che è positivo che le minoranze unite siano propositive e di stimolo per il tema parcheggio ospedale e scuola materna.
    Al di là delle feste di piazza, che sono importanti per il rilancio del commercio, credo che Angera abbia seri problemi da risolvere in ambito urbanistico ed edile. Quindi non si può sbagliare ancora con l'Asilo (grazi eagli errori delle amministrazioni passate), ma bisogna fermarsi forse qualche settimana in più e trovare la soluzione migliore per tutti gli atori in gioco

    RispondiElimina
  7. COMMENTO SUPERFLUO .
    La natura inciucista del contenuto si commenta da sola.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna lavorare insieme e cercare la massimia convergenza per il bene di Angera, sopratutto in questioni cosi impattanti. Analogia....le riforme istituzionali non si fanno a colpi di maggioranza, ma coinvolgendo il più possibile tutto il parlamento

      Elimina
    2. Scusi sig.r Franceschetto ma a chi si riferisce?Alla maggioranza dove Lei aspira ad entrare o ad altri .

      Elimina
    3. Simone ed io abbiamo quest'estate avuto degli attriti non indifferenti. Prendo atto però che su questa vicenda, dopo aver visto come stanno effettivamente le cose, non ha avuto dubbi ad appoggiare la posizione del resto del gruppo di AD. Ed anche sul resto ha mostrato coerenza. Mi sembra che la sua posizione sia: ben vengano le iniziative turistico-commerciali, che potrebbero portare un beneficio per Angera, però i problemi sono (anche e soprattutto) altri. Se ho ben capito, è una posizioni che mi sento di condividere.

      Elimina
    4. E no Alessandro
      troppi ammiccamenti del signor Franceschetto lo hanno reso inaffidabile e poco credibile e ci stupiamo come possa essere ancora segretario del gruppo

      Elimina
    5. caro Anonimo...non sono corrette le sue polemiche (tra l'altro con la coda di paglia senza firmarsi..complimenti per la trasparenza!). Noi, in modo trasparente, abbiamo sostenuto che il PD ad Angera è entrato per la prima volta dalla sua nascita (2007) in Consiglio Comunale, con l'entrata di Ale Brovelli come capogruppo della lista ABC...più chiaro di così! Come detto da Ale il ruolo dell'opposizione deve essere di stimolo verso la maggioranza...avendo sempre come bussola il BENE COMUNE per Angera...buona giornata

      Elimina
    6. E no Sig.Franceschetto.
      E' falso che il suo P.D. sia entrato in consiglio comunale per elezione.
      Voi siete in Comune grazie alle dimissioni del dott. Baranzini, medico, galant'uomo e soggetto trainante della vostra lista civica, senza del quale sareste ancora fuori dal Comune, poichè non siete riusciti ad eleggere nessuno dei vostri candidati proposti dalla sua segreteria.
      Non coinvolga il nuovo consigliere Brovelli attribuendogli affermazioni che sono solo aria fritta per allocchi.
      Il Bene Comune per angera, si ottiene con impegno, coerenza e passione politica, per affermare le proprie idee sul futuro della nostra città.
      Non occorre affatto firmarsi per esprimere pareri e oppinioni che meritano di essere acquisite in quanto frutto di riflessioni.
      Forse chi si firma e pone la propria immagine senza avere nulla da esprimere,.. forse denota l'irrefrenabile desiderio di apparire.
      Le riflessioni di anonimo del 25/11 ore 9:06 purtroppo sono da condividere.

      Elimina
    7. condivido quanto espresso da anonimo.

      Elimina
  8. cittadino che ama il verde24 novembre 2015 19:35

    Auspico che fare l'asilo in zona Altinada non equivalga ad aggiungere altro asfalto in una bella zona verde già duramente colpita dall'impatto con il cemento.
    Servirà costruire nuove strade per aumentare la viabilità in quell'area unicamente per l'asilo???
    Ne vale la pena?
    Che ne pensano le persone che abitano in zona?
    Trovare un luogo più accessibile non è proprio possibile?
    Prima di distruggere e costruire ...mi auguro vengano valutate altre soluzioni !


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo la vicenda dell'asilo, o meglio della incompleta e ammalorata struttura edificata ad uso scolastico in via Arena voluta dalla amministrazione Ponti con il consenso del vecchio partito democratico, pensare di intraprendere un'altra rabberciata avventura in altinada senza alcuna indagine di compatibilità ambientale e fattibilità economica, bancaria, commerciale, etc, etc, è incredibile.
      Segno di totale irresponsabilità amministrativa.

      Elimina
    2. Vorrei sapere se qualcuno conosce la prassi,ma per il danno della struttura di via arena non vi sono gli estremi per danno erariale? Causato certamente da un certo gruppo di persone ,poiche' tra progettisti ed amministratori non e' possibile che la comunita' non si possa rivalere:se questo non e' sperpero di danaro pubblico?

      Elimina
    3. Oggi sulla Prealpina ho letto un piccolo resoconto sulla battaglia che le opposizioni hanno intrapreso sulla futura scuola materna.Leggendo ho notato una certa soddisfazione nel comunicare che sono giunte al comune pochissime mail, forse lo strumento usato non e' il piu' adatto.Quanti sanno usare la posta elettronica ,non voglio essere critico ma forse visto la importanza del tema uno strumento piu' vecchio forse avrebbe creato piu' attenzione.Forse ci voleva piu' tempo per informare,ora si spera che non si faccia un altra cavolata,anche se ame la commistione tra donatari e presidenza fondazione non mi piace per niente.

      Elimina
    4. Il nostro obiettivo era sollevare il problema, coinvolgere la popolazione. In tanti in questi giorni hanno detto la loro attraverso vari mezzi, e questo è già un successo. Sappevamo che l'email non era certo il mezzo più adatto, ma è sicuramente un mezzo in più a nostra (e vostra) disposizione. Forse in questo abbiamo sbagliato un po', lo riconosco. Il tempo però era pochissimo, dalla CTU al consiglio.

      Elimina
    5. A Realista delle 20:56: da quanto dichiarato in CTU, verso i progettisti è stata intentata una causa di recente dall'Amministrazione. Credo che per la parte politica sia più difficile procedere. Credo che nel prossimo consilio avremo lumi al riguardo.

      Elimina
  9. Visto che ho subito la censura sull'altro blog allora scrivo il mio commento dopo due interventi di due anonimi. Chissà perché p stato censurato, non c'erano offese o insulti ma solo cifre, che però forse non piacciono al sindaco o a chi vuole l'asilo all'altinada.

    Martedì 24 novembre 16:46

    Pensate ad avere oltre a tutto il caos descritto dal famigerato anonimo anche le ottanta o novanta macchine dei genitori dei bambini dell’asilo che scendono dall’altinada passando per via Dante. Tutti allo stesso orario, tutti che si tuffano poi in via Piazzi e poi in via Rocca.


    24 novembre 2015 a 17:45

    all’ultimo anonimo delle 16,46…ma è mai possibile che prima di aprire bocca non vi documentiate sugli orari dei passaggi delle mamme, dei papà o dei nonni …ricordo al signore che l’ingresso alla scuola materna avviene in due periodi diversi: ore 7,45 pre scuola; ore 08,45 orario normale; ore 15,45 ritiro bimbi da orario normale ed infine ore 18,00 ritiro bimbi dopo scuola. 35% fanno pre e dopo scuola…NON TUTTI. Nel caso dovessero sorgere altri dubbi ai sempre ben informati i bimbi, della scuola dell’infanzia di Angera, consumano il pasto da circa 15 anni nelle aule scolastiche con, sembra, maggiore tranquillità delle maestre. Sempre per altri dubbi agli informati…da informazioni attendibili….la scuola non ha mai rifiutato nessun bambino anzi, ultimamente hanno difficoltà a coprire il numero ben noto agli informati ( circa 90 bambini ) . Se i ben informati avessero fatto una analisi sul territorio della provincia di Varese avrebbero scoperto che le previsioni future sono in diminuzione di richieste . Se avete dei dubbi, prima di scrivere senza essere a conoscenza della materia sono sicuro che i componenti il consiglio di amministrazione sarebbero ben lieti di dare tutte le informazioni richieste ( spero di non creare problemi, con quest’ultima affermazione, agli stessi ).

    Commento censurato inviato la sera del 24 novembre e mai pubblicato:

    Secondo la Camera di Commercio di Varese al 31.12.2007 la popolazione della provincia ammontava a 863.099 abitanti mentre a fine 2010 era salita a 883.285 per cui in tre anni è aumentata di 20.000 unità, mica saranno tutti pensionati, forse qualche bambino in più ci sarà, no? Il trend in leggero aumento. Che poi l'asilo di Angera non superi i 90 iscritti non vi viene in mente che magari può essere dato dal costo un po' altro della retta. Abbassatelo di 50 euro o più e vedrete.
    Vorrei poi chiedere come mai a Ranco c'è posto per 44 bambini pur essendo grande un quarto di Angera, perché a Taino c'è posto per 113 bambini pur essendo grande solo il 60% di Angera e a Sesto, grande più o meno il doppio di Angera i posti negli asili sono il quadruplo rispetto al nostro, 380 posti, perché a Ispra che ha quattrocento abitanti in meno di Angera l'asilo ha 108 posti, perché a Cadrezzate + Monate che insieme sono la metà di Angera l'asilo ha spazio per 87 bambini, perché Brebbia che ha poco più di tremila abitanti ha posti in asilo per 82 bambini, perché Besozzo che ha poco più di 9000 abitanti ha 260 posti negli asili? Non è detto che tutti questi asili siano sovraffollati ma direi che potrebbe pure essere meglio non essere pigiati. Insomma siamo intelligenti solo noi? Allora tanto vale farne uno ancora più piccolo che nel 2200 ad Angera forse ci saranno solo 20 bambini per anno. Ma chi l'ha detto?
    Le fonti di questi numeri sono del sito ufficiale della Provincia di Varese.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiungo solo che per l'anno prossimo credo si aspettino richieste in eccesso rispetto ai 90 posti. E' difficile definire le dinamiche sul breve periodo, perchè dipendono da diverse variabili, tra cui la natalità dei 2 anni precedenti (e non solo dal numero di 'piccoli').

      Elimina
  10. Qualcuno vorrebbe avvisare Pastorelli che il sindaco nell'ultimo consiglio comunale ha detto che la legge impone di finire la scuola di via Arena e che dunque di soldi per fare le strade per arrivare nel suo terreno dove vuole fare l'asilo Vedani/Pastorelli non ce ne sono. E che perciò senza strade le auto non ci arriveranno e men che meno i camion. Voglio vedere decine e decine di camion betoniera e i tir con i prefabbricati dove passeranno e dove faranno manovra. Per mettere a posto strade, allacciamenti, acqua, fogne e così via ci vorranno oltre trecentomila euro. Li tira fuori la fondazione? Perché le strade devono essere fatte prima e non dopo. Sindaco cosa ne diiiiiici

    RispondiElimina

I commenti sono liberi ma è attiva la moderazione preventiva.

Chi avesse da fare delle segnalazioni, e volesse mantenere l'anonimato, è pregato di utilizzare l'email angerademocratica@gmail.com. Grazie.