Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

giovedì 30 luglio 2015

SANITA' IN LOMBARDIA: STOP AI TICKET CARI ED INIQUI, GRAZIE AL PD


 RIFORMA SANITA'. ECCO I PRIMI RISULTATI DELLA NOSTRA AZIONE IN CONSIGLIO REGIONALE 
  Raggiunto finalmente un primo risultato su una battaglia che portiamo avanti in Lombardia 

da anni.
 
Con il bilancio 2015-2017 ticket più equi grazie al lavoro del PD e delle opposizioni

Al tavolo della trattativa sulla riforma della sanità i gruppi di opposizione ottengono un risultato atteso da anni: l’introduzione dell’esenzione dai ticket su visite ed esami per i redditi bassi e la rimodulazione per fasce per i redditi superiori. L’accordo raggiunto al tavolo prevede che per le esenzioni la regione stanzi 55 milioni di euro (10 dei quali condizionati al mantenimento da parte del governo degli impegni sul fondo nazionale sanità), e alla scrittura in legge, con apposito emendamento, del principio della progressività per reddito dei ticket. Per saperne di più sulla riforma vedi questo link.
I punti su cui discutere sono ancora diversi e ci sono elementi di forte contrasto, ma dalla trattativa esce un risultato estremamente importante, che il Pd chiede instancabilmente da anni. Se tutto va in porto come concordato, i lombardi potranno finalmente avere ticket più equi e meno costosi. Oggi il ricco e il povero pagano la stessa cifra, che soprattutto per gli esami più importanti è più alta che nel resto d’Italia. Domani i cittadini pagheranno in base al loro reddito.
Come opposizione non siamo però ancora soddisfatti e non ritiriamo gli ordini del giorno ostruzionistici. Abbiamo ottenuto di aprire la trattativa e di cambiare i ticket, e non è poco, ma i punti su cui attendiamo risposte convincenti sono ancora molti, a partire dal ruolo dei comuni, dall’efficacia dei controlli e dall’indipendenza dei manager della sanità.

Alessandro Alfieri
Consigliere Regionale Lombardia
Segretario PD Lombardo

mercoledì 29 luglio 2015

Meno tasse, più lavoro


Se vogliamo riaffermare la centralità del lavoro, che è l’unico strumento di crescita e di cambiamento sociale, bisogna tutelare il reddito dei lavoratori.
Tagliare le tasse sui lavoratori e sulle imprese significa premiare chi produce, spingendo la crescita dell’occupazione, dei redditi e dei consumi.
In Italia, inoltre, la disuguaglianza ha una radice profonda nel fatto che tassiamo pesantemente chi vive del proprio lavoro. Una società equa non può non stabilire il ruolo di ogni cittadino in base al proprio lavoro.
Invece, nel 2013 il fisco chiedeva alle imprese e ai lavoratori più tasse che in Francia, Germania o Spagna.
Oggi abbiamo invertito la tendenza, ma vogliamo andare oltre.
Per questo puntiamo a cancellare l’IMU sugli imbullonati e sui terreni agricoli, a ridurre le tasse sugli utili d’impresa e a ristrutturare le aliquote, oltre che a continuare a favorire il lavoro a tempo indeterminato attraverso la decontribuzione.
Tuttavia, la nostra politica fiscale non si misura solo da come riduciamo le tasse, ma anche da come vogliamo coprire questa riduzione. Crediamo che la valorizzazione del lavoro, attraverso la riduzione delle tasse, si possa conciliare con una politica a favore degli investimenti e con uno stato sociale efficace.
Nel caso degli investimenti, sappiamo che durante la crisi sono passati da un quarto ad un sesto del PIL, andando di pari passo al crollo dell’occupazione. Gli investimenti sono il motore dell’occupazione e della crescita, e hanno bisogno di politiche di lungo periodo. Per questo, dopo la svolta fondamentale della riforma del lavoro, la nostra strategia non si ferma al 2016, ma prosegue con in un piano pluriennale, partendo da una rivoluzione fiscale.
Vogliamo però rilanciare il paese e favorire l’equità, senza ridurre i servizi ai cittadini. C’è una percezione diffusa dell’inefficienza della pubblica amministrazione, per questo dobbiamo fare le stesse cose di prima, spendendo meno. La spending review dimostrerà che questo è possibile. Al contempo siamo certi che la crescita e la flessibilità di bilancio, in accordo con l’Europa, offriranno risorse aggiuntive.
Sappiamo che saremo giudicati non sulla qualità del dibattito su queste scelte, ma sulla capacità di tradurle in atti di governo. A differenza del passato, stiamo operando non sulla scorta della paura ma sulla spinta della convinzione politica: con queste scelte vogliamo far ripartire ripartire l’Italia.
Filippo Taddei, responsabile Economia e Lavoro del Partito Democratico

martedì 28 luglio 2015

SI PARLA DI "UNIONI CIVILI" ALLA SCHIRANNA


Incontro alla Schiranna con gli On. Fiano e Mauri



INCONTRO PUBBLICO ALLA FESTA DELLA SCHIRANNA CON GLI ON. FIANO E MAURI
Vi ricordiamo che venerdì 31 luglio alle ore 21 si terrà presso la Festa della Schiranna (Varese, via Vigevano 26) un incontro pubblico dal titolo "Le sfide riformatrici del PD" alla presenza delll'On. Emanuele Fiano, deputato e componente della Segreteria nazionale del PD, e dell'On. Matteo Mauri, Vice Presidente vicario del gruppo PD alla Camera. L'incontro offrirà un’importante occasione per discutere del futuro del PD, della sua organizzazione e delle sue proposte.
Introdurrà il Segretario Regionale Alessandro Alfieri

Roberto Adamoli
Resp. Grandi Eventi PD Varese

MATTEO RENZI: E-NEWS 395


In questo lungo e caldo mese siamo stati impegnati su più fronti. Le due parole d'ordine sono sempre le stesse: riforme e crescita.
Sul fronte economico, tra mille problemi, tanti segnali sono positivi, finalmente positivi: la produzione industriale a maggio ha fatto più 3% sul maggio 2014, la cassa integrazione è drasticamente ridotta, Banca d'Italia ha alzato le previsioni del PIL 2016-2017 addirittura oltre le stime del Governo, i consumi hanno interrotto un'emorragia pluriennale. E quando è arrivato il momento più duro della crisi greca in molti continuavano a insistere con le preoccupazioni sul contagio: "Vedrai, anche l'Italia sarà messa nel mirino". Abbiamo visto che le cose non sono andate così. L'Italia non è più il problema dell'Europa, come nel recente passato.
Tutto questo sta accadendo in un contesto internazionale non semplice (Mediterraneo, Grecia, Ucraina), ma l'Italia è economicamente al sicuro perché il Parlamento ha dimostrato di poter finalmente mantenere i propri impegni, realizzando le riforme. Se l'Italia non avesse fatto in questo anno il JobsAct e le riforme istituzionali (legge elettorale e province, per adesso, ma sono in arrivo Senato, Titolo V e pubblica amministrazione), le pene più dure sulla corruzione e le banche popolari, gli 80 euro e l'Irap sul costo del lavoro, e via dicendo saremmo stati considerati dagli osservatori internazionali e dai mercati come i soliti parolai. Non è così, non è più così. L'Italia è tornata, gioca il proprio ruolo nel mondo (a cominciare dall'Africa, che è la scommessa più intrigante e difficile dei prossimi anni) e riacquista credibilità ogni giorno. Questo ci dà ossigeno per tornare a crescere. Cosa che non accadeva da anni.
Certo la sfida non è facile, anche perché c'è una costante tentazione del sistema Paese a autoflagellarsi. In tanti dicono che va tutto male, sempre male, solo male. Scommettono sul fallimento. Noi no. Ci proviamo. Ogni giorno. Passo dopo passo.
Ecco perché la foto di copertina di questa enews è una foto inattesa, forse: vede aziende, sindacati, governo, regioni festeggiare a Palazzo Chigi. Non credo che la troverete su molti giornali: è una buona notizia! Riguarda l'accordo Whirlpool, che ha salvato - tra l'altro - la fabbrica di Carinaro a Caserta, operazione che sembrava impossibile solo due mesi fa. Non è l'unica buona notizia di ieri: abbiamo firmato 8 miliardi di contratti con l'Egitto in vari settori, otto miliardi di euro passati nel silenzio più assordante; abbiamo ottenuto un investimento di 500 milioni nel settore agricolo-tabacco tra Benevento, Caserta, Toscana, Umbria e Veneto; abbiamo ricevuto l'ennesimo dato positivo sulla riduzione del numero dei cassaintegrati. Bene.
Ma tutto questo ha senso solo se ci ricordiamo il nostro obiettivo: noi non vogliamo solo tirare fuori l'Italia dalla crisi. Vogliamo riportarla al posto che merita: alla guida dell'Europa. E costi quel che costi, ce la faremo. Perché l'Italia si merita di più.
[......]


A chi dice: "non ce la farete mai", voglio che arrivi il mio grazie più sincero. Sono gli stessi che dicevano: 80 euro? Non ce la farete mai. Legge elettorale? Non ce la farete mai. JobsAct? Non ce la farete mai. Expo? Non ce la farete mai. Alto rappresentante UE? Non ce la farete mai. Divorzio breve? Non ce la farete mai. Responsabilità civile dei magistrati? Non ce la farete mai. Centomila assunzioni sulla scuola? Non ce la farete mai. Questo ritornello ormai ci fa compagnia. E ci porta fortuna. Quindi, grazie.
Se le riforme andranno avanti - e io ci credo - riusciremo a abbassare il debito, sbloccare i cantieri, abbassare le tasse. Il disegno è chiaro, non resta che realizzarlo! E il PD non sarà mai più il partito delle tasse. E il PD deve parlare con i cittadini, dei problemi che li riguardano. Ogni giorno leggo di trame, scenari fantasiosi, polemiche interne. Un partito ha senso solo se si occupa delle questioni dei cittadini, non delle polemiche interne dei propri dirigenti.

Un sorriso,
Matteo

venerdì 24 luglio 2015

PDLATUA - Unioni civili, sei d'accordo? Cannabis legale, cosa ne pensi?


 Esprimi la tua opinione sul disegno di legge che introduce l’istituto delle Unioni Civili per le persone dello stesso sesso (oltre alla convivenza di fatto per quelle eterosessuali), definendo diritti e doveri della coppia. E sulla proposta di legalizzazione della cannabis, in quantità limitata e per uso personale. Informati, discuti e vota:

mercoledì 22 luglio 2015

Domenica 26 Luglio: Coppa Laghi Ciclistica Almar ad Angera!









Tra gli ospiti della giornata, domenica 26 alle 16 ad Angera per le premiazioni ci sarà anche l'On. Angelo Senaldi, parlamentare del PD (ex vice-sindaco di Gallarate), insieme ad altri politici locali.



lunedì 20 luglio 2015

Il ministro della Giustizia Andrea Orlando venerdì 24 luglio, alle 21, presso la Festa della Schiranna




Care/i amiche/i e compagne/i,

dopo settimane particolarmente calde, pensiamo ai temi dell'immigrazione e della crisi greca, c'è bisogno di fare un bilancio del lavoro compiuto anche per preparare bene gli impegni che ci attendono nei prossimi mesi.

All'Assemblea nazionale di Milano Matteo Renzi ha lanciato alcune sfide ambiziose: gli Stati Uniti d'Europa, la lotta contro il terrorismo che coinvolga tutte le forze politiche e una autentica rivoluzione del nostro sistema fiscale.

Quest'ultima, come era facilmente prevedibile, ha avuto di gran lunga il sopravvento nella rappresentazione mediatica per due ragioni: la pressione fiscale, per chi paga le tasse, ha raggiunto livelli intollerabili e la proposta di diminuire le tasse da parte del PD è una sorta di tabù.

Il gruppo parlamentare del PD è stato il più impegnato, obiettivamente, nell'ultimo anno, nel sostenere il Governo per fare avanzare le riforme che il Paese attende da gran tempo.

E' giusto compiere un bilancio dell'attività svolta mettendo in luce, senza reticenze, i successi e le difficoltà.

Questo è ciò che ci proponiamo di fare ed è anche, mi sembra, il modo migliore per ricordare, a due anni dalla sua scomparsa, Laura Prati.

Lo faremo venerdì 24 luglio, alle ore 21, alla nostra Festa della Schiranna, nella sala a lei dedicata. Laura è stata un'amministratrice e una dirigente politica che non si è mai sottratta di fronte alle responsabilità. Una donna di sinistra tanto radicale e coerente con i suoi valori ideali, quanto concreta nella sua azione politica e amministrativa, dotata di una robusta cultura riformista costruita in tanti anni di gavetta prima di diventare Sindaca di Cardano al Campo. Ci manca, mi manca molto.

Abbiamo invitato per questo incontro importante il Ministro della Giustizia Andrea Orlando. Orlando, uno dei Ministri di maggiore peso del Governo, ha conseguito nel suo settore importanti risultati, riconosciuti in Italia e a livello internazionale. E' stato l'unico Ministro, due anni fa era all'Ambiente, che ha partecipato ai funerali di Laura

Sono convinto che quando il 50% dei cittadini non vota e una gran parte di chi lo fa è contro l'euro, la crisi sociale rischia di trasformarsi in crisi democratica.

I dati sono eloquenti ed implacabili: solo il 7% dei cittadini nutre fiducia verso il Parlamento e solo il 5% verso i partiti.

Per contro, noi abbiamo i primi dati interessanti: la stabilizzazione dei rapporti di lavoro, l'aumento della produzione industriale, l'aumento dell'export.

Su ciò dobbiamo fare leva per affrontare il problema più importante: quello del lavoro.

Anche su questi temi l'incontro con il ministro Orlando può essere un'occasione preziosa per una riflessione politica all'altezza delle sfide che ci attendono.

Un caro saluto
on. Daniele Marantelli

ASSEMBLEA NAZIONALE PD 18 LUGLIO IN EXPO

Sabato 18 mattina ho partecipato all'Asseblea Nazionale PD che si è svolta in EXPO, insieme ad altri delegati PD di Varese.
Personalmente credo che Matteo Renzi abbia fatto il suo miglior intervento da quando è Segretario del PD. Ha parlato per un'ora e mezza a ruota libera di temi cari e importanti per tutto il popolo italiano e della sinistra, come: Innovazione, Cambiamento, Riforme e Diminuzione delle tasse.

Simone Franceschetto

Qui il link dell'assemblea:


Intervento del nostro Segretario e Consigliere Regionale PD di Varese, Alessandro Alfieri:






giovedì 16 luglio 2015

STASERA INIZIA LA FESTA DE L'UNITA' A VERGIATE!


TESSERAMENTO PD 2015

Anche per il nostro Circolo PD Angera-Ispra-Ranco abbiamo tante tessere nuove pronte per essere compilate con il vostro nome!
Contattateci!
:-)



venerdì 10 luglio 2015

DIAMO VOCE AI GIOVANI DI ANGERA E DEI COMUNI LIMITROFI!


Mercoledì 15 Luglio alle 20.45, all’Oratorio San Filippo Neri in Piazza Parrocchiale, 14 ad Angera ci sarà un incontro informale con tutti i giovani angeresi e dei comuni limitrofi per parlare e sentire il loro pensiero sulla Politica, Partiti e Società.
L’incontro è dedicato a tutti i giovani under-20, under-25 e under-30 ed è stato organizzato in collaborazione con i Giovani Democratici dei Laghi della Provincia di Varese.
Al di là del proprio credo politico, vuole essere un incontro per parlare di temi importanti che troppo spesso trovano solo spazio nei format televisivi, ma poco nella vita di tutti i giorni.

Quaderni PD Economia e Lavoro, Scuola, Giustizia e Sicurezza, Immigrazione, PA



 Carissime, carissimi,

vi segnalo che la Segreteria nazionale PD ha realizzato cinque "quaderni" che approfondiscono il lavoro di Governo e Parlamento su alcuni temi cruciali quali Economia e Lavoro, Scuola, Giustizia e Sicurezza, Immigrazione e Pubblica Amministrazione.
Jacopo Scandella
Responsabile regionale Comunicazione PD lombardo

Angera: grande successo per il corso per gestori di bed & breakfast

Da poco terminato il corso di gestore di b&b proposto dal Comune di Ispra e da Enaip Lombardia con il supporto organizzativo delle Acli di Angera

 

ARTICOLO VARESE NEWS

giovedì 9 luglio 2015

ALFIERI: “L’ospedale di Varese deve assorbire tutta l’azienda di Gallarate”

Il segretario lombardo del PD Alfieri evidenzia i punti critici della riforma sanitaria e mette in guardia sulla riorganizzazione: "L'attuale proposta mette a rischio gli investimenti sul Del Ponte"

 ARTICOLO VARESE NEWS

martedì 7 luglio 2015

Ranco, Festa del baratto 12/07/2015


LORENZO GUERINI ALLA FESTA DE L'UNITÀ DEL BORGORINO: VENERDI' 10 LUGLIO


 Vi informiamo che il Vice Segretario nazionale del Partito Democratico, Lorenzo Guerini, sarà presente il giorno VENERDì 10 ALLE ORE 18.30 presso la FESTA DE L'UNITÀ DEL BORGORINO (VIA SANT'ANNA, CASSANO MAGNAGO).
Introduranno l'On. Angelo Senaldi e il Segretario Regionale Alessandro Alfieri. Modera l'incontro Matteo Inzaghi di Rete55.

giovedì 2 luglio 2015

IL FUTURO DELLA SANITÀ LOMBARDA: VENERDì 3 LUGLIO CON ALFIERI E BORGHETTI

A TUTTI COLORO INTERESSATI ALLA RIFORMA DELLA SANITA'
Carissime e carissimi,

martedì 14 luglio approderà in Consiglio regionale il progetto di legge sulla riforma sanitaria proposto dal Presidente Maroni. Si tratta però di una riforma mancata, un compromesso al ribasso dovuto alle pesanti divisioni della maggioranza di centrodestra. Tanta, troppa attenzione ai livelli di "governance" e pochissima ai ticket, alle lista di attesa, al ruolo dei Comuni, ai problemi con cui tutti i giorni si misurano i cittadini.
Per confrontarci e discutere su un passaggio così importante per il nostro territorio abbiamo organizzato un'assemblea pubblica sul futuro della sanità regionale VENERDI' 3 LUGLIO, a Varese alle ore 21.00 presso la festa democratica della Schiranna in via Vigevano. Oltre a me parteciperà anche il capogruppo PD in Commissione Sanità Carlo Borghetti.

Rimanendo a disposizione per eventuali richieste di chiarimenti o di intervento, vi saluto caramente,

Alessandro Alfieri
Segretario Regionale PD
Consigliere Regione Lombardia

SOTTOSEGRETARIO ANGELO RUGHETTI A VARESE: LUNEDì 6 LUGLIO




Il Sottosegretario di Stato al Ministero della PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, Angelo Rughetti, sarà presente a Varese il giorno LUNEDì 6 LUGLIO per due incontri in cui si discuterà di riforma della pubblica Amministrazione e di tassazione locale. 
Alle ORE 18.30, presso l'Istituto Interpreti e Traduttori di Varese in Via Cavour 30, ci sarà un incontro rivolto agli amministratori dal titolo RIORDINO DELLA FINANZA LOCALE E LOCAL TAX
Alle ORE 21.00, presso l'Istituto Interpreti e Traduttori di Varese in Via Cavour 30, ci sarà un incontro pubblico dal titolo RIFORMA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, GLI EFFETTI SUL TERRITORIO. Introduce Samuele Astuti in qualità Segretario Provinciale e Sindaco di Malnate e sarà presente l'onorevole Angelo Senaldi