Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

venerdì 19 dicembre 2014

Predicare bene e ...

In passato l'informatore comunale è sempre stato uno strumento usato dalla maggioranza consiliare per vantarsi mostrare i proprie successi. Non è mai stato lasciato spazio alla minoranze, in modo che potessero riferire sulla loro opera di controllo ed informare i cittadini la loro opinione sull'operato dell'Amministrazione. Questo nonostante il fatto che l'informatore comunale è pagato con soldi pubblici, quindi provenienti dalle tasse di tutti i cittadini.

Giustamente, quando era in minoranza il nostro Sindaco aveva fatto una battaglia (senza successo) per avere degli spazi sul foglio informatore, con tanto di interrogazioni al sindaco (link-1 e link-2):


Saranno cambiate le cose ora con la nuova amministrazione, in presenza di un Sindaco così sensibile all'argomento?

A chi interessasse, l'impegno di spesa per la realizzazione del numero di dicembre (in distribuzione in questi giorni) è di 3000euro.

7 commenti:

  1. Tremila euro, se fosse confermata questa spesa per un solo numero di dodici pagine di grande formato, non è poco, un pelo oltre 1 euro per ogni copia.
    Ma è anche possibile che il costo possa essere coperto dai ricavi della pubblicità, anche se la persona concessionaria della pubblicità io non l'ho mai sentita e dunque non so chi incassa per la pubblicità.
    Io penso (e spero) che lo spazio per le minoranze sarà concesso senza problemi, però non saprei cosa si potrebbe scrivere. Secondo me un periodico di informazioni comunali non dovrà avere spazio per una informazione politica di questo o di quest'altro partito, comitato o movimento, perché poi si rischierebbe di avvicinarsi ad una informazione pro-elettorale e eventualmente polemica. Non sarà così, lo spero proprio. Ma nulla di male per le minoranze e, perché no?, anche per i movimenti politici neonati o fuori dai passati giochi di chiedere ai redattori di poter inserire qualche notizia. Però ormai tra i due blog ormai storici e le pagine facebook che avvisano puntualmente (abbastanza puntualmente) di ciò che succede in paese e le voci che girano tra la gente ogni notizia che appare su un periodico diventa giocoforza abbastanza spesso un qualcosa di sorpassato.
    Non vedo invece citati i redattori o i giornalisti che hanno curato questa pubblicazioni ma solo un direttore responsabile anch'esso a me ignoto. .

    RispondiElimina
  2. eh no, caro Dotta. I blog ed il giornalino si rivolgono ad un target decisamente diverso, di persone (spesso ma non necessariamente anziane) che non hanno modo di essere informate su quanto succede perchè senza accesso ad internet. Inoltre, lo scopo dell'informatore, a mio avviso, è anche di fare un resoconto (sintesi?) di quanto successo. Per questo è a mio avviso (ed evidentemente non solo mio!) che ci si l'opinione di tutte le forze consiliari.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no! Cosa significa? Ho forse scritto da qualche parte che quel giornalino non deve essere pubblicato? Ho solo detto che le notizie sulla carta stampata (non solo qua ma in qualsiasi quotidiano, settimanale o periodico che dir si voglia) sono abbastanza spesso sorpassate. Forse non è vero?
      Certamente c'è un certo numero di persone per le quali il giornalino potrà servire, mai detto di no, e sicuramente ci sono notizie per le quali è bene avere tabelle stampate ma nulla vieta di stamparle dalla rete (per chi ha un PC). Io rimango dell'idea che per una opinione politica si debbano utilizzare i blog di questo o quest'altro mentre il giornalino dovrebbe essere un qualcosa tipo "gazzetta ufficiale". Ma ognuno ha le proprie opinioni, ci mancherebbe.

      Elimina
  3. riguardo alla spesa: 3000eur è la cifra contenuta nell'atto di indirizzo, bisogna vedere a conti fatti quali sono state le spese, e quali gli incassi di pubblicità.

    RispondiElimina
  4. bravi continuate cosi a pubblicare le spese e i numeri
    spero che a breve pubblicate p costi per manifestazioni eventi feste altro che ila simbolica riduzione dello stipendio degli assessori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sbigottito e schifato30 dicembre 2014 08:01

      Ma allora Lei ha notizie che quello che hanno detto gli Assessori sulla decurtazione del compenso è tutta una balla?
      Ci faccia sapere, sono veramente interessato alla cosa.

      Elimina
    2. Rinunciare a tutto o a parte dello stipendio di amministratore comunale implica comunque anche una procedura amministrativa, non è sufficiente dire che si rinuncia ma occorre anche firmare carte. Dunque se viene scritto che Sindaco e Assessori hanno rinunciato a tutto o parte del loro stipendio questo deve essere vero e non una balla come lei scrive. Forse l'anonimo a cui lei risponde parlava di "simbolico" ritenendo, lui, che il 20% di riduzione non fosse una cosa importante ma solamente un gesto di facciata. Io non credo, se chiunque va in Municipio in uno qualsiasi dei giorni potrebbe incontrare molto spesso gli assessori presenti e dunque al lavoro per la nostra comunità. Se poi lei, o altri, ritiene che questo lavoro debba essere fatto gratis liberissimo di pensarlo. Io sono invece dell'idea che chi lavora, spesso anche bene, debba essere remunerato. Consideri inoltre che quelle cifre indicate si intendono al lordo e non al netto, perciò da quello che leggiamo occorre poi detrarre oneri sociali e imposte, come tutti d'altronde e vedrà che non è un grande importo netto.
      Nel caso ci sono alcuni consiglieri delegati che si fanno un bel mazzo per il nostro paesello e nulla ricevono per il loro lavoro e la loro presenza.

      Elimina

I commenti sono liberi ma è attiva la moderazione preventiva.

Chi avesse da fare delle segnalazioni, e volesse mantenere l'anonimato, è pregato di utilizzare l'email angerademocratica@gmail.com. Grazie.