Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

mercoledì 17 settembre 2014

Cancellare il passato e' macchiare il futuro

E' notizia di questi giorni che a Sesto Calende, l'amministrazione comunale, capeggiata dal sindaco Colombo, ha fatto cancellare, tinteggiando la parete della scuola media Bassetti sul quale era dipinto, il murale realizzato nel 1995, in occasione del 50° della festa di liberazione, dai ragazzi delle scuole medie.            
Le iniziative di protesta, intraprese dal gruppo di minoranza, "Insieme per Sesto", trovano il mio pieno consenso e appoggio in quanto trovo che le decisioni adottate dall'amministrazione comunale siano profondamente sbagliate e diseducative.
Sbagliate perchè con una mano di vernice si è cancellato un lavoro volto ad avvicinare i giovani ad un momento storico basilare per il vivere democratico della nostra nazione.
Diseducativo perché nei ragazzi si fa passare l’idea dell’usa e getta. Ossia quando un bene è deteriorato o semplicemente datato è giusto che questo venga dismesso senza neppure chiedersi se, al di la dell’aspetto economico, il bene stesso meriti di essere salvaguardato e quindi mantenuto.

il Sindaco, secondo quanto si legge sull’articolo del quotidiano “La Prealpina”, uscito in edicola il 15/09, ha detto che il murale versava in uno stato di degrado essendo scrostato in più punti. A fronte di questa dichiarazione viene da chiedersi il perché l’amministrazione comunale ha permesso che il murale potesse arrivare ad un simile livello di degrado senza effettuare negli anni passati interventi di conservazione. Per quanto mi riguarda questa domanda ha una sola risposta: L’amministrazione ha sbagliato mostrando poca attenzione ai temi del vivere democratico e comunitario, dimostrando inoltre di non voler tutelare un opera che oltre all’importante significato espresso, era un esempio ed un ricordo di un lavoro di gruppo svolto da dei cittadini Sestesi.

Nessun commento:

Posta un commento

I commenti sono liberi ma è attiva la moderazione preventiva.

Chi avesse da fare delle segnalazioni, e volesse mantenere l'anonimato, è pregato di utilizzare l'email angerademocratica@gmail.com. Grazie.