Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

mercoledì 30 aprile 2014

Presentazione di ABC Angera Bene Comune

Qualche foto della serata di presentazione della nostra lista:
Ci dispiace per il poco tempo a disposizione per le domande, dovuto a motivi logistici e certo non a mancanza di volontà.
Venite ad incontrarci le prossime domeniche sotto l'allea e negli incontri pubblici per discutere insieme il nostro programma e portare le vostre idee!



venerdì 25 aprile 2014

XXV APRILE 2014




Sono passati 69 anni da quel mercoledi del 25 aprile 1945, passato alla storia come giornata della liberazione d’Italia dalla occupazione dall’esercito tedesco e dal governo fascista.  Come ogni anno anche oggi l'intera nazione si ferma per ricordare quell'avvenimento e per tributare un doveroso omaggio a tutte quelle donne e a quegli uomini, appartenenti ai piu' disparati e spesso opposti gruppi politici, che a costo di grandi sofferenze e spesso anche della vita, in nome di grandi ideali di liberta', democrazia e riscatto della dignita' nazionale (infangata da 20 anni di dittatura fascista, avallata da un inetto regime monarchico) hanno saputo regalarci una nazione libera e democratica.


Questa giornata deve servirci anche a riflettere sul fatto che la democrazia e la liberta' non sono valori scontati. Essi devono essere coltivati e rinvigoriti ogni giorno, anche nelle azioni che ognuno di noi compie ogni giorno. Soprattutto si deve vigilare perche' il passare degli anni non porti con se una sorta di oblio e consenta a taluni revisionisti storici di far, per cosi dire, "di tutta l'erba un fascio" facendo leva sui morti, inducendo a pensare che chi ha combattuto ed e' morto nelle file dei partigiani e' da considerare alla stessa stregua di chi ha combattuto ed e' morto nelle file della RSI o delle SS. Non spetta a noi il giudizio sui morti, ma sicuramente possiamo giudicarne l'operato di quando erano vivi. I primi combattevano per creare una nazione libera e democratica, i secondi combattevano per regimi dittatoriali colpevoli delle piu' gravi ignomie di cui l'uomo si e' macchiato, fra le quali a titolo esemplificativo, le leggi raziali. Non si puo' mettere sullo stesso piano l'uccisione, avvenuta per mano fascista, di un uomo come Giacomo Matteotti, e l'uccisione del filosofo Gentile, presidente dell'accademmia fascista, giustiziato da un commando partigiano. Non si puo' fare a meno di pensare che quanto operato dai partigiani era pur sempre una conseguenza di azioni criminali e vessazioni a cui il popolo italiano, non legato al regime fascista, era sottoposto. A questo riguardo la mente corre subito ad alcune atrocita' perpetrate nelle ns. zone dai nazi-fascisti, tra i quali ricordiamo gli ebrei fucilati e gettati nel lago a Meina; la fucilazione di un gruppo di 5 partigiani a Castelletto Ticino; la formazione partigiana sterminata a San Martino vicino a Varese. Se poi con la mente allarghiamo lo spazio geografico, subito vengono alla mente atrocita' come quella di Boves; di Sant'Anna di Stazena; di Marzabotto, e moltissime altre.
A fronte di queste considerazioni esorto me stesso e tutti voi a ricordare e a non cadere nella trappola del revisionismo storico. Mentre a tutti i partigiani voglio inviare il mio personale ringraziamento utilizzando alcune parole prese da una canzone della resistenza (Brigata Caio) 
"......... PACE ETERNA E GLORIA A VOI MAI NESSUNO SCORDERA' TUTTI I NOMI DEGLI EROI MORTI PER LA LIBERTA'........"



 

martedì 22 aprile 2014

Una riflessione su trasparenza e democrazia



Abbiamo continuato nella riflessione intorno al tema della trasparenza ed accesso alle informazioni nella P.A. ed in generale nella 'cosa pubblica'. Vi proponiamo perciò qualche idea al riguardo. 

Come Angera Democratica crediamo moltissimo nell'importanza della trasparenza, anche per questo pubblichiamo tutti i commenti fatti ai nostri post, anche i più negativi nei nostri confronti. Al contrario di altri.

Il 2013 è stato intitolato dall’Unione Europea “Anno europeo dei cittadini” (ecco un altro link), con il duplice obiettivo di promuovere la conoscenza dei diritti legati alla cittadinanza europea e di stimolare il dialogo tra i diversi livelli di governo, la società civile e il mondo delle imprese per individuare quale sia, da qui al 2020, l’Europa auspicata dai cittadini in termini di diritti, di politiche e di governance. Questo si riferisce anche al nostro piccolo comune.
L’attenzione delle istituzioni europee ai cittadini, per quanto necessariamente simbolica in iniziative di questo tipo, è da stimolo per riflettere su come, a livello comunale, il rapporto tra PA e cittadini stia mutando fortemente.
Si parla in questo senso di 'open government' ed 'open data', relazione con i cittadini dove si adotta una logica di accountability, cioè nella volontà e nella capacità di render conto dell’attività svolta.

Non si deve però compiere l’errore di considerare i destinatari dei servizi, i cittadini, come semplici utenti passivi. Un errore fatto spesso in passato che con questo tipo di approccio non deve ripetersi, coinvolgendo perciò i cittadini in tutte le fasi che descrivono il processo di erogazione dei servizi. Per questo finalmente si parla di crowdsourcing e di co-design dei servizi.
Questo brevemente tracciato è un approccio diverso all'amministrazione della cosa pubblica che, partendo da necessità apparentemente diverse, finiscono per ridefinire, arricchendolo, il rapporto governo-cittadini, introducendo nuove forme di collaborazione e partecipazione: il cittadino ha la possibilità, come mai era successo prima d’ora, di intervenire ed essere parte attiva nella gestione della cosa pubblica. Questo significa anche promuovere la cittadinanza attiva, che non è solo un'azione virtuosa dell’amministrazione ma è anche e soprattutto una necessità, con l’obiettivo di rendere più efficace l’azione pubblica.

Come punto di partenza di un percorso in questa direzione bisogna tener conto e applicare quanto meglio possibile il 'Decreto Trasparenza' (D.Lgs 14 marzo 2013, n.33, convertito in legge ed in vigore dal 20/04/2013).
A questo link un breve ma utile approfondimento riguardante il Decreto Trasparenza e ulteriori spunti di approfondimento.


Avevamo già proposto in un precedente post alcune proposte al riguardo. Qui le riassumiamo e ne aggiungiamo una quarta:

(I) Rivedere il sito internet del comune, e farlo diventare un punto privilegiato di dialogo tra l'ente ed il cittadino, con una comunicazione efficace in entrambe le direzioni.

(II) Riorganizzazione degli orari degli uffici comunali, anche in sinergia con i comuni limitrofi, per venire incontro alle esigenze dei cittadini.
Sul periodo medio-lungo vorremmo anche compiere un passo ulteriore, con l’armonizzazione del personale dei vari comuni, con un solo responsabile di area condiviso fra più comuni, per rendere più efficace ed efficiente il servizio sopra riportato (per esempio, creazione di un ufficio tecnico consortile). Il vero scoglio di tutto questo non è creare l'infrastruttura tecnica, ma abbandonare lo spirito campanilistico e creare una diversa mentalità riguardo la gestione della 'res publica'.

(III) Rendicontazione del lavoro degli eletti, informazione periodica alla cittadinanza di quanto è accaduto, lavori messi in campo, problemi, novità ed informazioni. Garantire in questo anche gli spazi per le opposizioni.

Rendicontare ai cittadini è molto importante, ma non bisogna perdere di vista le istituzioni che hanno un ruolo chiave nell'espressione della democrazia a livello locale. La centralità della vita politica si manifesta e trova massima espressione nell'aula Consiliare. I cittadini angeresi, a causa del modo di fare politica nel comune negli ultimi decenni, si sono forse dimenticati di ciò.  
Per questi motivi riteniamo fondamentale ricominciare a costruire un rapporto dialettico e costruttivo tra maggioranza ed opposizione, e ritornare ad affidare un ruolo predominante al Consiglio Comunale. In Consiglio Comunale si devono esporre i problemi nella loro complessità, relazionare sugli avanzamenti dei lavori, coinvolgere e discutere in un modo nuovo, dando centralità agli assessori che per competenza sono gli operai della politica comunale.

(IV) Restituire un ruolo attivo e centrale al Consiglio Comunale, favorire il ruolo dell'opposizione di sprone e controllo dell'attività dell'istituzione comunale.

mercoledì 16 aprile 2014

GAZEBO PD AD ANGERA: 27 APRILE E 4, 11, 18 MAGGIO




Buongiorno a tutti,

vi informiamo che nelle domeniche 27.04, 04.05 11.05 e 18.05 (dal mattino)  saremo presenti con il nostro gazebo PD nel lungo lago in piazza Garibaldi ad Angera per il volantinaggio delle Elezioni Europee ed Amministrative.
Sarà possibile anche aderire al Tesseramento PD del 2014!

IL GAZEBO SI TERRA' SOLO IN CASO DI BUONE CONDIZIONI ATMOSFERICHE

Accorrete numerosi!

giovedì 10 aprile 2014

ABC – Un progetto in cui crediamo

Ieri è apparso un articolo sul quotidiano la Provincia – riportato anche in un post di questo blog – che come prevedibile ha scatenato polemiche. Il dott. Franco Baranzini ha comunicato di volersi presentare alle prossime elezioni comunali, con una lista civica appoggiata anche da Angera Democratica/PD di Angera. Il progetto – ABC: Angera Bene Comune – è il risultato di un percorso di qualche mese che ci ha visti coinvolti a partire dai primi di marzo, e che Franco Baranzini ha cominciato insieme ad un gruppo di cittadini provenienti principalmente dall'associazionismo cattolico. 

Il gruppo di ABC: si tratta di persone sicuramente senza conflitti di interesse, con competenze in ambiti diversi (economico-amministrativo, territorio, ambiente, sociale, sport) e, a parte Franco, nessuno ha fatto parte delle passate amministrazioni. Questo per noi significa rinnovamento totale dell'amministrazione, avendo al contempo una persona che conosce bene il funzionamento della macchina comunale.
Angera Democratica ha ritenuto opportuno, come detto in più sedi, di lavorare per far si che il progetto iniziale piuttosto vago si concretizzasse in una lista con un programma contenente i valori in cui crediamo. Vi possiamo assicurare che tutto ciò di cui abbiamo parlato sul blog sarà parte del programma di ABC – Angera Bene Comune.

Una parola sulle polemiche. Troviamo assolutamente sgradevoli e fuori luogo certi attacchi alla persona del dott. Baranzini. Abbiamo sempre detto che si possono criticare le idee delle persone, mai le persone in quanto tali. Certi attacchi paiono proprio motivati solo dalla rabbia di non essere stati in grado di ottenere un posto in lista, per non aver saputo fare delle rinunce in nome del Bene Comune! Anche ridicole sono le polemiche sull'appoggio di Angera Democratica, da parte di chi, alle passate amministrative, si era presentato in unione con un partito!
Infine, una promessa: le nostre scelte sono certamente criticabili, abbiamo fatto e faremo degli errori. Non scriveremo però MAI che sono i cittadini ad aver sbagliato a non credere in noi, se dovessimo perdere! Se dovessimo essere sconfitti, o in caso di vittoria non riuscissimo a governare bene, saremmo i primi ad ammettere di aver sbagliato e a farci da parte come 'gruppo dirigente' del PD ad Angera. Continueremo ad impegnarci al meglio delle nostre possibilità facendo opposizione in consiglio comunale.

Infine, una nota: altri gruppi da 3 o più anni lavorano ai loro progetti per amministrare la Città, si sono divisi e riuniti più volte, ma al momento non sono ancora riusciti a trovare una sintesi efficace. Franco Baranzini in meno di tre mesi ha messo in piedi un gruppo e si è esposto personalmente, pronto ad essere accusato e criticato, anche in maniera pesante. Chi vi appare più concreto ed efficace?

venerdì 4 aprile 2014

EUROPA: CRESCERE INSIEME Sabato 5 aprile a Varese

Segnaliamo questo importante ed interessante evento organizzato dal PD Provinciale di Varese



Ci vediamo sabato 5 aprile alle ore 16.00 presso il bio winebar Bagatella per discutere di Europa, in particolar modo focalizzando l'attenzione sul tema della crescita economica!

martedì 1 aprile 2014

Angera Democratica: "Sosteniamo la candidatura di Franco Baranzini" ARTICOLO VARESE NEWS



http://www3.varesenews.it/politica/angera-democratica-sosteniamo-la-candidatura-di-franco-baranzini-285661.html

Il gruppo ha diffuso una nota in cui precisa posizione e alleanze in vista del voto. Una lista ufficiale non è ancora stata presentata ma l'orientamento è quello di appoggiare il medico angerese

Angera Democratica, il gruppo locale del Partito Democratico, ha diffuso una lunga nota in cui presenta la propria posizione in vista delle prossime elezioni amministrative. Angera Democratica, spiegano i rappresentanti Franceschetto, Brovelli e Broggi, sosterrà la candidatura del medico angereseFranco Baranzini. Candidatura che tuttavia non è stata ancora ufficializzata. Si stanno concludendo proprio in questi giorni le alleanze in vista del voto. Le liste dovranno essere presentate entro il prossimo 26 aprile. 

Da più parti ci chiedono cosa stia succedendo, e quali alleanze in vista abbia Angera Democratica. Vediamo di fare un po' di chiarezza, per quanto possibile.
Alcune doverose premesse:
1. Siamo contrari agli attacchi ed insulti personali. Possiamo essere contrari o in disaccordo con le idee ed opinioni, ma riteniamo che il rispetto per le persone venga prima di tutto. Quindi, nessuno si offenda.
2. Riteniamo che tutte le persone che fanno attività politica siano una risorsa per il territorio, che la facciano all'interno di un partito, di un movimento o come privati cittadini. In altre parole, siamo contenti che ci siano persone tesserate Lega o Forza Italia, perchè come noi credono in un'idea, ci mettono la faccia e tentano di migliorare il nostro territorio. Semplicemente, abbiamo un'idea diversa - spesso molto! - dalla loro. Non tolleriamo e sopportiamo invece gli arrivisti, che vogliono approfittare di una situazione per trarne un vantaggio personale.
3. Abbiamo da sempre detto che a nostro avviso le condizioni fondamentali ed imprescindibili per un'alleanza sono due: completa assenza di conflitti di interesse e volontà di lavorare esclusivamente
per il bene di Angera. Ne aggiungiamo ora una terza, forse non imprescindibile ma comunque molto importante: se e dove possibile, riteniamo importante che le alleanze siano fatte sulla base di
un'etica e sensibilità condivisa. E' vero che ad Angera ci sono alcune problematiche non più rimandabili che richiedono semplice (ma abbondante) buon senso per essere affrontate, e poco importa se la giunta sarà di destra, di centro o di sinistra (o di destra centro sinistra). D'altra parte, però, la condivisione profonda di valori è importante per avere una squadra armonica ed affiata, in grado di lavorare bene insieme per un lungo arco di tempo (5 anni).

Ci sono in pratica tre gruppi con cui Angera Democratica ha avuto contatti un po' più approfonditi: A come AngeraCambiAngera ed il gruppo che si è unito intorno al dottor Franco Baranzini. Con il gruppo di A come Angera i contatti sono stati soprattutto all'inizio dell'anno, fino al momento in cui il gruppo aveva proposto come candidato sindaco una persona di area Lega che era stata assessore
dell'era Banfi. Chiaramente non era possibile trovare un punto d'incontro, viste le nostre condizioni per un'alleanza, ed i contatti si sono interrotti.
Riguardo al gruppo CambiAngera, raccoglie cittadini (sicuramente nella stragrande maggioranza onesti e disinteressati) di orientamento politico molto variegato e diverso dal nostro, che spaziano da persone tuttora attive nell'organizzazione dei Club Forza Silvio, a persone di area Lega fino ad una persona dichiaratamente di sinistra. A nostro avviso, il limite di questo gruppo sta nell'assenza di condivisione di ideali ed etica comune. E' un gruppo che si è unito intorno ad un leader, che ha un obiettivo chiaro e che condividiamo (migliorare Angera) ma che a nostro avviso corre il serio rischio di spaccarsi in breve, proprio perchè non ha delle basi etiche condivise.
Infine, il terzo gruppo, quello che si è riunito intorno al dottor Baranzini, e che noi di Angera Democratica al momento riteniamo essere quello con cui abbiamo maggior condivisione. Si tratta in tutti i casi di persone di area centro-sinistra, che non hanno altri interessi particolari e non hanno nemmeno un'esperienza politica alle spalle. E' vero che il dott. Baranzini è stato consigliere comunale ed assessore in alcune vecchie amministrazioni, ma ci ha personalmente garantito di
voler superare le vecchie logiche ed ha condiviso la necessità di un rinnovamento e progresso del nostro comune. Inoltre, proprio per questo motivo noi abbiamo posto la condizione che in lista debbano esserci dei candidati di Angera Democratica, in modo da poter dire la nostra con fermezza e poter spronare più efficacemente il lavoro.
Credo nessuno possa dire che Franco Baranzini non abbia a cuore l'interesse di Angera, o che non ascolti il proprio interlocutore e prenda decisioni d'imperio, come avveniva in passato.

Al momento, stiamo valutando insieme al dottor Baranzini, al suo gruppo e ad altre persone che si sono unite nel frattempo, se sia effettivamente possibile superare in breve tempo alcune divergenze
emerse per arrivare ad una sintesi efficace ed alla formazione di una lista. Vedremo quel che succederà, noi abbiamo ben chiari i punti da difendere: trasparenza, onestà, voglia di rinnovare Angera e coinvolgimento dei cittadini nelle grandi scelte urbanistiche che ci attendono (in particolare, destinazione area ex Virgo Potens, asilo, riqualificazione zona cantiere Johnson) ed in generale con le grandi scelte non già dettagliate nel programma elettorale.

Questo post vuole riassumere in breve e dal nostro punto di vista quanto successo negli ultimi 2-3 mesi. Se gli elettori e simpatizzanti di centro-sinistra vogliono ulteriori chiarimenti o esprimere la loro idea, ci possono contattare. Ogni contributo è gradito anzi ci teniamo molto a sentire la vostra opinione! Non crediate che per noi sia semplice tener la rotta in questa confusione. Non abbiamo problemi a pubblicare anche interventi in contrasto con la nostra idea, a patto che chi scrive si firmi e si esponga in prima persona. Organizzeremo in seguito una serata per spiegare le nostre scelte ed ascoltare tutti i simpatizzanti.

Saluti

Per Angera Democratica:

Simone Franceschetto - Segretario PD Angera, Ispra e Ranco
Alessandro Brovelli
Giorgio Broggi


www.angerademocratica.it
https://www.facebook.com/angerademocratica1