Idee e notizie per Angera 2015 ed oltre. Insieme ad ABC - Angera Bene Comune

lunedì 31 marzo 2014

Facciamo un po' di chiarezza



Da più parti ci chiedono cosa stia succedendo, e quali alleanze in vista abbia Angera Democratica. Vediamo di fare un po' di chiarezza, per quanto possibile. 
Mettetevi seduti tranquilli che il discorso è un po' lungo. Figuratevi che questa è solo una brevissima sintesi!

 Alcune doverose premesse:
1. Siamo contrari agli attacchi ed insulti personali. Possiamo essere contrari o in disaccordo con le idee ed opinioni, ma riteniamo che il rispetto per le persone venga prima di tutto. Quindi, nessuno si offenda.
2. Riteniamo che tutte le persone che fanno attività politica siano una risorsa per il territorio, che la facciano all'interno di un partito, di un movimento o come privati cittadini. In altre parole, siamo contenti che ci siano persone tesserate Lega o Forza Italia, perchè come noi credono in un'idea, ci mettono la faccia e tentano di migliorare il nostro territorio. Semplicemente, abbiamo un'idea diversa - spesso molto! - dalla loro. Non tolleriamo e sopportiamo invece gli arrivisti, che vogliono approfittare di una situazione per trarne un vantaggio personale.
3. Abbiamo da sembre detto che a nostro avviso le condizioni fondamentali ed imprescindibili per un'alleanza sono due: completa assenza di conflitti di interesse e volontà di lavorare esclusivamente per il bene di Angera. Ne aggiungiamo ora una terza, forse non imprescindibile ma comunque molto importante: se e dove possibile, riteniamo importante che le alleanze siano fatte sulla base di un'etica e sensibilità condivisa. E' vero che ad Angera ci sono alcune problematiche non più rimandabili che richiedono semplice (ma abbondante) buon senso per essere affrontate, e poco importa se la giunta sarà di destra, di centro o di sinistra (o di destracentrosinistra). D'altra parte, però, la condivisione profonda di valori è importante per avere una squadra armonica ed affiata, in grado di lavorare bene insieme per un lungo arco di tempo (5 anni).

Ci sono in pratica tre gruppi con cui Angera Democratica ha avuto contatti un po' più approfonditi: A come Angera, CambiAngera ed il gruppo che si è unito intorno al dott. Franco Baranzini. Con il gruppo di A come Angera i contatti sono stati soprattutto all'inizio dell'anno, fino al momento in cui il gruppo aveva proposto come candidato sindaco una persona di area Lega che era stata assessore dell'era Banfi. Chiaramente non era possibile trovare un punto d'incontro, viste le nostre condizioni per un'alleanza, ed i contatti si sono interrotti.
Riguardo al gruppo CambiAngera, raccoglie cittadini (sicuramente nella stragrande maggioranza onesti e disinteressati) di orientamento politico molto variegato e diverso dal nostro, che spaziano da persone tuttora attive nell'organizzazione dei Club Forza Silvio, a persone di area Lega (incluso il candidato sindaco) fino ad una persona dichiaratamente di sinistra (n.b. questa persona dal 1994 cerca senza successo di entrare in Comune – addirittura nel 1994 in una lista sostenuta dal dott. Ponti!). A nostro avviso, il limite di questo gruppo sta nell'assenza di condivisione di ideali ed etica comune. E' un gruppo che si è unito intorno ad un leader, che ha un obiettivo chiaro e che condividiamo (migliorare Angera) ma che a nostro avviso corre il serio rischio di spaccarsi in breve, proprio perchè non ha delle basi etiche condivise.
Infine, il terzo gruppo, quello che si è riunito intorno al dott. Baranzini, e che noi di Angera Democratica al momento riteniamo essere quello con cui abbiamo maggior condivisione. Si tratta in tutti i casi di persone di area centro-sinistra, che non hanno altri interessi particolari e non hanno nemmeno un'esperienza politica alle spalle. E' vero che il dott. Baranzini è stato consigliere comunale ed assessore in alcune vecchie amministrazioni, ma ci ha personalmente garantito di voler superare le vecchie logiche ed ha condiviso la necessità di un rinnovamento e progresso del nostro comune. Inoltre, proprio per questo motivo noi abbiamo posto la condizione che in lista debbano esserci dei candidati di Angera Democratica, in modo da poter dire la nostra con fermezza e poter spronare più efficacemente il lavoro. Credo nessuno possa dire che Franco Baranzini non abbia a cuore l'interesse di Angera, o che non ascolti il proprio interlocutore e prenda decisioni d'imperio, come avveniva in passato!

Al momento, stiamo valutando insieme al dott. Baranzini, al suo gruppo e ad altre persone che si sono unite nel frattempo, se sia effettivamente possibile superare in breve tempo alcune divergenze emerse per arrivare ad una sintesi efficace ed alla formazione di una lista. Vedremo quel che succederà, noi abbiamo ben chiari i punti da difendere: trasparenza, onestà, voglia di rinnovare Angera e coinvolgimento dei cittadini nelle grandi scelte urbanistiche che ci attendono (in particolare, destinazione area ex Virgo Potens, asilo, riqualificazione zona cantiere Johnson) ed in generale con le grandi scelte non già dettagliate nel programma elettorale.
 
Questo post vuole riassumere in breve e dal nostro punto di vista quanto successo negli ultimi 2-3 mesi. Se gli elettori e simpatizzanti di centro-sinistra vogliono ulteriori chiarimenti o esprimere la loro idea, ci possono contattare. Ogni contributo è gradito anzi ci teniamo molto a sentire la vostra opinione! Non crediate che per noi sia semplice tener la rotta in questa confusione. Non abbiamo problemi a pubblicare anche interventi in contrasto con la nostra idea, a patto che chi scrive si firmi e si esponga in prima persona. Organizzeremo in seguito una serata per spiegare le nostre scelte ed ascoltare tutti i simpatizzanti.

lunedì 24 marzo 2014

Legalità e democrazia partecipata

Ci siamo presi qualche giorno di 'pausa' che abbiamo usato per approfondire e studiare un po' le questioni più importanti (perchè economicamente impegnative e perchè hanno un notevole impatto sul territorio e l'organizzazione della città). Diciamo subito che non abbiamo delle soluzioni di dettaglio per le varie problematiche, ma abbiamo invece un'idea di massima e, più importante, abbiamo un'idea di come vogliamo procedere per affrontare e risolvere le questioni aperte. 
In questo post non voglio però parlare direttamente delle cose da fare, ma voglio introdurre due punti, tra loro non direttamente collegati, che riteniamo fondamentali e che serviranno per comprendere i prossimi post:
  1. Legalità: il rispetto delle norme e delle leggi viene prima di tutto. Privati cittadini hanno in alcune occasioni effettuato interventi per incentivare il turismo, completamente o in parte fuori dalle regole, senza rispetto di norme e leggi. Diversi degli interventi fatti sono anche condivisibili o apprezzabili di per sè, ma riteniamo che gli interventi abusivi o illegali non possano essere tollerati nè sanati, in nessun caso.
  2. Consultazione popolare: come detto sopra, in questa fase non è possibile stendere un piano dettagliato di come vorremmo effettuare le diverse sistemazioni necessarie. Questo perchè è necessario valutare attentamente tutta la documentazione, e discutere con le persone direttamente coinvolte (per es. i proprietari di alcune delle aree) e capire le loro intenzioni. D'altra parte, alcune di queste opere avranno un impegno economico notevole e modificheranno l'aspetto di Angera in maniera sostanziale. Per questo motivo, noi riteniamo cruciale, una volta fatto un progetto di dettaglio degli interventi che si vogliono realizzare, indirre delle consultazioni popolari per valutare se le scelte dell'amministrazione non incluse nel programma elettorale siano condivise o meno dalla cittadinanza. Le consultazioni popolari potranno essere svolte con i classici referendum oppure con sistemi più innovativi, snelli ed efficienti, quali i questionari anonimi compilabili in forma cartacea o elettronica, come fatto per il censimento (la nostra scelta preferita, ma è necessario valutare in dettaglio come farlo e garantire l'anonimato).
Nei prossimi giorni illustreremo in maggior dettaglio le nostre idee per affrontare alcuni dei problemi più urgenti.

giovedì 13 marzo 2014

UN MEDICO PER IL PAESE: CHE SIA LA SVOLTA BUONA ?



Pubblichiamo con piacere l'articolo di oggi della Provincia

http://www.laprovinciadivarese.it/stories/Cronaca/angera-alle-urne-lasso-di-tutti-e-il-medico-del-paese_1049617_11/

Angera alle urne L’asso 
di tutti è il medico del paese?

Il municipio di Angera

Cambiangera e Angera Democratica e Cambiangera vicine all’accordo con il medico del paese, Franco Baranzini: si scalda il clima elettorale in vista della prossima tornata di fine maggio.
Ad Angera, Comune commissariato da diversi mesi, sono in corso febbrili trattative per allestire le coalizioni che si daranno battaglia per la poltronissima di sindaco.
Partiamo dalle ultime novità. Nelle prossime ore i rappresentanti della lista civica Cambiangera e di Angera Democratica incontreranno il medico del paese per tentare di certificare un’alleanza che secondo rumors non sarebbe così lontana dal realizzarsi. Ne verrebbe fuori una lista trasversale, con una corrente oratoriana di stampo cattolico, ma con l’aggiunta di elementi laici. Se verrà trovato l’accordo Baranzini guiderà la lista, ma della coalizione potrebbe non far parte il gruppo di AcomeAngera.
Fino a qualche giorno fa sembrava che anche l’ex consigliere di opposizione Marco Brovelli potesse essere della partita, ma dalle ultime indiscrezioni pare che difficilmente AcomeAngera correrà con il medico del paese. Più probabile a questo punto che Brovelli punti verso altri lidi o che, in alternativa, corra in solitaria ripetendo l’esperienza delle ultime amministrative.
Il fatto singolare è che AcomeAngera e Cambiangera, dopo aver condotto in sinergia l’opposizione durante il governo del sindaco Magda Cogliati, per motivi ancora poco chiari non siano riusciti a mettersi d’accordo creando fronte comune anche in vista della tornata di fine maggio.
Correranno separatamente, a meno che all’ultimo minuto non salti l’accordo tra Alessandro Paladini Molgora (Cambiangera) e il medico di famiglia di Angera (Baranzini).
C’è poi da capire il ruolo che potranno svolgere la lista civica Rinascita Angerese, che ha annunciato la sua discesa in campo nelle ultime ore, la Lega Nord e il centro destra. Al momento il Carroccio sta mantenendo un basso profilo, ma alla fine potrebbe anche correre in solitaria.

martedì 11 marzo 2014

Partecipazione, trasparenza e servizi al cittadino

Iniziamo a parlare di proposte per migliorare il rapporto tra i cittadini ed il Comune, in particolare riguardo a partecipazione popolare, trasparenza, facilità di accesso ai servizi comunali.

Così come per il turismo, è urgente una revisione profonda del sito internet istituzionale del comune, al fine di renderlo chiaro, accessibile e di facile consultazione. Questo significa anche rendere pubblici tutti i documenti ed atti dell'ente (così come previsto anche dalla recente normativa), organizzati in modo che siano facilmente reperibili e consultabili (per esempio attraverso l'introduzione di tags e parole-chiave). Le delibere devono essere scritte in modo chiaro e comprensibile, con link che rendano direttamente disponibili gli eventuali documenti citati o a corredo. I titoli devono essere esplicativi.
Attraverso il portale del comune deve anche essere possibile far domanda di tutti gli atti e pratiche che normalmente richiedono una visita al palazzo comunale (per esempio, richiedere una nuova carta di identità o un certificato di nascita per email, ed essere certi che andando uno o due giorni dopo li si trovino pronti da ritirare), e deve essere possibile fare domande agli uffici essendo sicuri di ottenere una risposta chiara, esaustiva ed in tempi certi.

(I), in sintesi: rivedere il sito internet del comune, e farlo diventare un punto privilegiato di dialogo tra l'ente ed il cittadino, con una comunicazione efficace in entrambe le direzioni.

Seconda proposta: rivedere gli orari degli uffici comunali, in modo da renderli maggiormente fruibili ai cittadini. In quest'ottica, vogliamo attivarci anche per cercare di organizzare con i comuni limitrofi una rete in modo che i cittadini possano richiedere gli atti (per esempio, dell'anagrafe) non solo nel comune di residenza. Questo garantirebbe un'ottimizzazione delle risorse.

(II), in sintesi: riorganizzazione degli orari degli uffici comunali, anche in sinergia con i comuni limitrofi, per venire incontro alle esigenze dei cittadini.

Terzo punto: sindaco, assessori e consiglieri saranno tenuti a rendicontare periodicamente sulle loro attività. Una sintesi delle relazioni sarà resa disponibile attraverso il sito internet del comune. Si organizzerà anche una newsletter periodica (per es. mensile o bisettimanale) da distribuire per email ai cittadini iscritti al servizio, in cui siano riportate le attività del comune nel precedente periodo, informazioni ed avvisi. La newsletter verrà anche pubblicata sulle bacheche del comune. Sempre con cadenza periodica, ma minor frequenza (per es. trimestrale) si organizzerà anche un giornalino comunale, da distribuire a tutti i nuclei famigliari. Tutte le forze politiche in consiglio, sia di maggioranza che di opposizione, avranno diritto a spazi sia nella newsletter che nell'informatore cartaceo.

(III) In sintesi: rendicontazione del lavoro degli eletti, informazione periodica alla cittadinanza di quanto è accaduto, lavori messi in campo, problemi, novità ed informazioni, con spazi anche alle minoranze.

sabato 8 marzo 2014

8 marzo 2014
Angera Democratica, in occasione della "festa della donna" dedica un pensiero ed una augurio a tutte le donne, auspicando che i pensieri e gli auguri, che oggi verranno a loro dedicati, non restino legati alla ricorrenza ma si tramutino in fatti concreti, favorendo sia l'avvento  in tutti i campi di una effetiva parita' di trattamento  fra i sessi, sia la presa di coscienza in tutti gli uomini che la donna non e' un oggetto di cui disporre, arrivsndo persino, come drammaticamente la cronaca dei nostri tempi ci ricorda, all'uso della violenza, sia dal punto di vista fisico sia da quello psicologico.
..... Auguri di cuore a tutte le donne!

I LOVE SESTO CALENDE: PRIMO URBAN BLOG DELLA PROVINCIA DI VARESE



Nel nostro blog stiamo parlando tanto di turismo e di commercio

A mio punto di vista sono le prime priorità che dovranno riguardare Angera nei prossimi anni: Angera deve infatti svegliarsi, attirare persone, essere dinamica e non rinchiudersi ancora di più come ha fatto negli ultimi decenni.

E' questo che siamo proposti quando abbiamo presentato il manifesto di Angera Democratica.
Non bisogna avere paura del cambiamento, dell'apertura verso l'esterno, ma bisogna cercare di valorizzare l'alto potenziale di Angera.

C'è necessità che i commercianti facciano "sistema" tra di loro perchè si cambia e si cresce solo se valorizza la parola "Insieme".

Per questo crediamo che sia efficace prendere spunto anche dalle pratiche migliori che sono nate nei paesi a noi limitrofi, come Sesto Calende.

Vi segnaliamo il sito internet I LOVE SESTO CALENDE, con relativa pagina facebook, che ha avuto lo scopo di creare quel tessuto di proposte turistiche e commerciali che si sono poi manifestate vincenti negli ultimi anni a Sesto Calende.

www.ilovesestocalende.it

www.facebook.com/ILoveSestoCalende


giovedì 6 marzo 2014

Per il turismo ed il territorio

Ecco altre proposte da mettere in campo per incentivare il turismo e valorizzare il territorio, in particolare gli aspetti rurali e di maggior interesse naturalistico.

Come prima a cosa, a completamento di quanto scritto nel post precedente, sarà necessario rivedere  decisamente il sito internet comunale. Per quanto riguarda il turismo, bisognerà realizzare un vero e proprio portale, gestito dall'ufficio del turismo che prenda il posto delle inutili pagine attuali (se non sapete a cosa mi riferisco, cliccate qui). In questo contesto, come richiestoci da un commentatore del precedente post, tengo a precisare che il personale dell'ufficio turistico dovrebbe essere un dipendente comunale, tra quelli già in servizio, e non una nuova figura da assumere, con costi aggiuntivi per il comune.

In sintesi: bisogna sviluppare un portare turistico moderno, leggero (visualizzabile con diversi strumenti: pc, smartphones e tablet), costantemente aggiornato, che contenga informazioni storiche, orari di visita (es. museo), informazioni sulle manifestazioni previste, descrizione dei percorsi ciclopedonali, alloggi e ristoranti, e quant'altro possa interessare il turista.

Per essere in grado di accogliere i turisti in maniera dignitosa serviranno delle aree di sosta adeguate. A tal proposito si dovra' procedere con la sistemazione definitiva dell'area parcheggio posta in via Soldani/via Pertini (adiacente ai campi da tennis). In secondo luogo si dovranno individuare ed attrezzare un'area pic-nic con tavolini e barbecue fissi ed un'area wi-fi free. Inoltre, in questo contesto bisognerà prevedere un'area per lo sgambamento e socializzazione degli animali d'affezione, come giustamente richiesto dall'associazione Anch'io voglio correre (link all'associazione). Queste aree almeno in parte (area sgambamento e zona attrezzata per picnic) potrebbero essere posizionate nella zona delle ex-vasche della magnesia (va valutata l'effettiva fattibilità). In prossimità di queste aree si potrebbe anche posizionare un chiosco (bibite, gelati, etc) aperto solo nella stagione turistica. Riteniamo necessario il coinvolgimento delle associazioni (in particolare, associazione Anch'io voglio correre) nella gestione dell'area di socializzazione animali.
L'area wi-fi free potrebbe essere invece posizionata all'inizio dell'allea, in prossimità della fontana e del parco giochi, dove proponiamo di mettere anche il nuovo ufficio turistico.

In sintesi: sistemare il parcheggio di via Pertini, realizzare un'area picnic, un area wifi free e l'area di sgambamento cani.

Infine (per quest'oggi) bisogna prendere in considerazione la valorizzazione  delle frazioni rurali e degli ambienti naturali tipici di Angera: il SIC (sito di interesse comunitario) della Bruschera e la zona collinare (San Quirico). Per quanto riguarda il SIC Bruschera, si potrebbe realizzare in primis un percorso naturalistico ciclopedonale attrezzato con capanni per l'osservazione della fauna e cartelli esplicativi. Questo percorso dovrebbe partire dalla via Arena, in prossimità delle ex vasche della magnesia (e quindi dove vorremmo prevedere la zona picnic con chiosco) e dovrebbe essere collegato al parcheggio di via Pertini da un percorso pedonale  e pista ciclabile che percorra tutta via Pertini e magari arrivi fino all'inizio dell'allea.
Per valorizzare le zone rurali e collinari bisogna pensare di realizzare una serie di percorsi tematici che portino turisti e cittadini a visitare i vari e molto diversi ambienti naturali del nostro territorio (boschi misti, torbiera, aree agricole, aree a vigneto, ecc).

In sintesi: realizzare una rete di percorsi tematici ciclabili e pedonali per valorizzare gli ambienti di altro pregio naturalistico, partendo dall'oasi della Bruschera, e collegando la rete di itinerari al parcheggio di via Pertini.

Infine, due note sui costi (certo non trascurabili):
1. buona parte degli interventi descritti è gia prevista nel piano opere pubbliche per il triennio 2014-2016 approvato dal commissario straordinario (clicca qui per vedere la delibera), e quindi, almeno in teoria, la copertura finanziaria dovrebbe essere garantita.
2. la rete di itinerari naturalistici deve ricalcare e percorrere i sentieri, strade rurali e strade secondarie già esistenti, che vanno solo adeguati, sistemati e provvisti di apposita segnaletica. Dunque questo sarà un intervento tutto sommato con costi contenuti.